rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Economia

Electrolux, referendum sull'accordo: il 75% dei dipendenti di Forlì è favorevole

Nello stabilimento di Forlì il voto si è svolto nelle giornate di lunedì, martedì e mercoledì. I sindacati informano che ha votato il 99% dei lavoratori presenti in azienda, con 779 voti validi

Si è svolto il 14 maggio scorso il referendum sull'ipotesi di accordo per l'Electrolux. Lo scrutinio è stato effettuato a porte aperte nella saletta sindacale di fabbrica. Nello stabilimento di Forlì il voto si è svolto nelle giornate di lunedì, martedì e mercoledì. I sindacati informano che ha votato il 99% dei lavoratori presenti in azienda, con 779 voti validi: i sì sono stati 580, pari al 75% delle preferenze. In 199 hanno votato per il "no", mentre le schede bianche sono state due.

"Una buona notizia - commenta il deputato Marco Di Maio, che sin dall'avvio della vertenza ha seguito da vicino lo svilupparsi delle trattative tra Forlì e Roma, in sinergia con gli enti locali e la Regione-. Le assemblee dei lavoratori dhanno approvato a stragrande maggioranza l'accordo sottoscritto assieme e grazie al Governo. Salvi i posti di lavoro, con l'impegno dell'azienda a investire 150 milioni di euro in 4 anni in Italia". "Questo significa - ha aggiunto molto anche per Forlì, dove il gruppo svedese possiede lo stabilimento a maggior valore aggiunto in Italia".

"Senza la determinazione dei lavoratori e dei sindacati, senza la compattezza delle istituzioni locali, senza l'impegno del Governo, non saremmo arrivati a questo risultato - fa notare il parlamentare -. È lo stesso schema seguito su altre vicende importanti come Ferretti, Vis Mobility di Santa Sofia e Aeroporto, solo per citare le più importanti, in cui il gioco di squadra ha fatto la differenza. Lavorare insieme e per costruire, come fatto fin qui, è l'unico modo per sconfiggere non solo la crisi ma anche chi fa del disfattismo la propria unica arma di persuasione".

IL GOVERNATORE ERRANI - “Con l’approvazione da parte dei lavoratori dei 4 stabilimenti Electrolux di Emilia-Romagna, Veneto, Lombardia e Friuli Venezia Giulia dell’ipotesi di accordo siglato a Palazzo Chigi nei giorni scorsi, si segna un passo importante per la salvaguardia dei posti di lavoro e per il rilancio di un settore importante per l’economia”. Così il presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, commenta l’esito del referendum negli stabilimenti Electrolux che ha sancito il via libera da parte degli stessi lavoratori all’ipotesi di accordo definita al tavolo del Governo, con la partecipazione attiva dei presidenti delle Regioni. “E’ stato un esempio importante – ha concluso Errani – che ha dimostrato come la piena e leale collaborazione tra Istituzioni, azienda e rappresentanti dei lavoratori, possa essere determinante per la soluzione di vertenze complesse e delicate che riguardano, in questo, migliaia di lavoratori e sistemi economici che possono e devono diventare traino per il rilancio dell’economia del Paese”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Electrolux, referendum sull'accordo: il 75% dei dipendenti di Forlì è favorevole

ForlìToday è in caricamento