Addio lavori con le mani, i giovani preferiscono la manicure

Quest'anno si formeranno almeno 3 classi per estetisti, ma si rischia di non riuscire a racimolare le 15 iscrizioni minime per il corso edile e quello di lavorazione del legno per arredo

Lavoro impossibile da trovare, specialmente per i giovani, precarietà dilagante, eppure ci sono alcune opportunità che i giovani non colgono, col risultato che le aziende locali cercano ma non trovano sufficiente manodopera qualificata. Viceversa c'è la corsa in massa a fare l'estetista. E' la riflessione “antropologica e sociologica”, come la definisce lui stesso, dell'assessore provinciale al Lavoro Denis Merloni, a margine della conferenza stampa in cui sono stati diffusi i dati sul lavoro.

La Provincia si occupa del cosiddetto “obbligo formativo”, vale a dire di quei corsi obbligatori per chi sceglie di lasciare la scuola superiore alla fine dell'obbligo scolastico (a 15 anni) e viene incanalata verso corsi biennali fortemente orientati all'inserimento in azienda. Per questi giovani, tutti dai 15-18 anni, la Provincia organizza tutti gli anni 21 “classi” nelle più svariate discipline, per un totale di circa 400 iscritti. Quest'anno si formeranno almeno 3 classi per estetisti, ma si rischia di non riuscire a racimolare le 15 iscrizioni minime per il corso edile e quello di lavorazione del legno per arredo. In particolare quest'ultimo: pochissime iscrizioni a fronte di un lavoro che è di falegname, ma con alta tecnologia. La richiesta è in particolare da parte delle aziende che producono arredi per gli yacht superlusso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Tutti troveranno un posto nei corsi, in quanto è un obbligo”, precisano in Provincia. Ma la corsa a fare gli estetisti piuttosto che gli operai edili e del legno impone la riflessione. “I media veicolano modelli che si radicano facilmente nelle menti dei giovanissimi”, è una delle spiegazioni, col risultato che si disegna il lavoro manuale e si preferisce il lavoro alle mani, nel senso della manicure, anche da parte dei giovani di sesso maschile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

  • Meldola in lutto per la scomparsa di Stefanino, il sindaco: "Una figura speciale per tutti"

  • Travolto all'uscita della scuola: bimbo trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Non paga i debiti della propria azienda: l’imprenditore creditore assolda i killer per ucciderlo

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento