menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ferretti, l'azienda vuole chiudere il sito di Forlì. Parte la protesta: lavoratori in sciopero

La rsu e l'assemblea dei lavoratori hanno deciso di attuare lo stato di agitazione già approvato il 20 gennaio, proclamando lo sciopero per la giornata di venerdì, subito dopo l'assemblea

A seguito dell’incontro svoltosi giovedì tra la direzione aziendale Ferretti e i coordinatori nazionali di Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil, dove sono state confermate le voci di chiusura dello stabilimento forlivese, venerdì mattina si è svolta l’assemblea dei lavoratori,  con all’ordine del giorno le dichiarazioni ufficiali dell’azienda sulla volontà di chiudere il sito produttivo di Forlì. I sindacati nazionali di categoria hanno informato  l'assemblea sui contenuti del confronto di giovedì.

La rsu e l’assemblea dei lavoratori hanno deciso di attuare lo stato di agitazione già approvato il 20 gennaio, proclamando lo sciopero per la giornata di venerdì, subito dopo l’assemblea e ulteriori iniziative di mobilitazione. Lo sciopero continua per l’intera giornata di martedì  con un presidio concomitante con l’incontro previsto con l’azienda, negli uffici di Unindustria, in corso Garibaldi. Il pomeriggio dello stesso giorno, a seguito dell’incontro si terrà a Forlì il coordinamento unitario sindacale di tutti i siti nazionali del Gruppo Ferretti, per decidere le iniziative di mobilitazione da effettuarsi. Sono già in atto iniziative di protesta in altri siti del Gruppo, in solidarietà ai lavoratori Ferretti di Forlì.

Mercoledì ci sarà l'assemblea dei lavoratori di Forlì, con all’ordine del giorno i risultati dell’incontro con l’azienda e le ulteriori iniziative da effettuarsi. A fronte di questa difficile posizione aziendale, unitamente alle confederazioni di Cgil, Cisl e Uil del territorio di Forlì, le  organizzazioni di categoria territoriali e regionali hanno già provveduto a chiedere incontri urgenti con le istituzioni coinvolgendo il Comune, la Provincia, la Regione Emilia-Romagna,  sino al ministero per lo Sviluppo Economico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento