Edizione extra del festival del fundraising, come fare raccolta fondi durante l'epidemia

Appuntamento online con centinaia di organizzazioni nonprofit per affrontare l’emergenza coronavirus. Il 13 e 14 maggio ci saranno due giornate di formazione e networking

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Appuntamento online con centinaia di organizzazioni nonprofit per affrontare l’emergenza coronavirus. Il 13 e 14 maggio ci saranno due giornate di formazione e networking con la "Challenge Edition del Festival del Fundraising"  con centinaia di organizzazioni nonprofit che si ritrovano online con l’edizione speciale del Festival del Fundraising, per fare formazione, acquisire strumenti e condividere buone pratiche. Obiettivo è prepararsi a gestire al meglio l’impatto dell’emergenza Coronavirus sulla raccolta fondi e su tutto il settore nonprofit. Due giornate piene: 22 sessioni in diretta da 45, 30 e 15 minuti, un’area networking in cui i partecipanti potranno incontrarsi online e un’Expo virtuale, dedicata a una selezione dei migliori fornitori digital e non solo, del nonprofit. Si parte mercoledì 13 maggio, alle ore 9 con le istruzioni per l’uso e la presentazione delle opportunità di networking e formazione. Le sessioni in programma affrontano i temi caldi di questo momento: raccolta fondi online e i consigli per rendere il form di donazione davvero efficace, un’indagine Doxa su come la pandemia ha modificato le abitudini degli italiani, rendere unico e riconoscibile un brand sui social, crowdfunding.

Con la case history di AIL - Associazione italiana contro le leucemie-linfomi e mieloma, si vedrà come trasformare le piazze fisiche in piazze virtuali e con un esperto di database come utilizzare al meglio i contatti in database. Lega del Filo d’Oro racconta come è possibile portare avanti la raccolta fondi offline e ci sarà spazio anche per capire che cosa prevede il DPCM Cura Italia per il settore nonprofit e pensare anche al dopo emergenza, con una riflessione sul fundraising per la cultura e alcune utili indicazioni su come strutturare una start up di fundraising. A chiudere i lavori della seconda e ultima giornata ci sarà poi l’intervista di Valerio Melandri, Direttore del Master in Fundraising dell’Università di Forlì, a Stefano Zamagni, economista italiano, apprezzato in tutto il mondo per i suoi studi in materia di economia sociale, sull’importanza di coinvolgere il Terzo Settore sia come attore da mettere in campo nella gestione dell’emergenza, sia come realtà da tutelare e proteggere durante questa crisi. Durante le giornate sarà poi dedicato ampio spazio a momenti di networking, perché la community del nonprofit c’è e ha voglia di confrontarsi e condividere esperienze.

Torna su
ForlìToday è in caricamento