menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agricoltura, ossigeno dalla Regione: arrivano 1,5 milioni

Per abbassare il tasso di interesse di 1,5 punti percentuali rispetto a quelli normalmente applicati dalle banche, la Regione Emilia-Romagna ha messo a disposizione un milione e 600 mila euro

Ammonta a 106 milioni di euro il volume di finanziamenti messo a disposizione delle imprese agricole da Istituti di credito e Confidi. Per abbassare il tasso di interesse di 1,5 punti percentuali rispetto a quelli normalmente applicati dalle banche, la Regione Emilia-Romagna ha messo a disposizione un milione e 600 mila euro. «Un intervento utilissimo per rendere più conveniente l’accesso al credito delle imprese agricole regionali – spiega il consigliere regionale PD, Tiziano Alessandrini -, a cominciare da quelle che hanno subito i danni della siccità».

Il programma operativo è rivolto a tutti i settori di produzione, prevede la concessione di un aiuto de minimis sotto forma di concorso interesse sui prestiti di conduzione ed è stato pubblicato sul Bollettino ufficiale telematico della Regione. Le imprese interessate potranno presentare domanda al proprio Istituto di credito e al Confidi di appartenenza entro il 15 marzo 2013.

«L’importo massimo del prestito per azienda è di 150 mila euro, quello minimo è di 6 mila, per una durata di 12 mesi, e servirà a coprire le spese che l’imprenditore agricolo deve anticipare per il completamento del ciclo produttivo-colturale, fino alla vendita dei prodotti – illustra il consigliere -. È calcolato in base alle superfici coltivate, ai capi allevati o alle attività svolte. Oltre al prezioso intervento della Regione per l’abbattimento del tasso di interesse, i prestiti avranno la garanzia offerta dai Confidi, con capitali propri, e condizioni di favore comprese all’interno delle convenzioni stipulate tra Confidi e istituti bancari».

Saranno i Confidi a provvedere direttamente all’istruttoria della domanda, alla concessione e alla liquidazione del finanziamento, utilizzando le risorse messe a disposizione dalla Regione. «Il sistema dei Confidi agricoli è costituto da cinque consorzi – conclude Alessandrini -: si tratta degli Agrifidi interprovinciali di Bologna-Ravenna-Forlì Cesena, Rimini e Parma-Piacenza, e di quelli provinciali di Ferrara, Modena e Reggio Emilia. Il legame con il territorio è molto importante per conoscere le reali esigenze delle imprese agricole, una grande ricchezza della nostra regione».


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento