rotate-mobile
Domenica, 21 Aprile 2024
Economia

Garanzie ai lavoratori degli appalti: raccolta firme per la proposta di legge

“Nel sistema degli appalti si scarica l'abbattimento dei costi di fornitura e la realizzazione di beni e servizi troppo spesso a danno della qualità delle opere e dei diritti dei lavoratori", sostiene la Cgil

Importante delegazione forlivese all’iniziativa di venerdì organizzata dalla Cgil Emilia Romagna che, insieme ai territori, presenta pubblicamente la campagna di raccolta firme a sostegno delle proposta di legge di iniziativa popolare promossa dalla Cgil nazionale in materia di garanzia dei trattamenti dei lavoratori impiegati nelle filiere degli appalti privati e pubblici, contrasto alle pratiche di concorrenza sleale tra imprese e tutela dell'occupazione nei cambi di appalto.

L'iniziativa pubblica si terrà venerdì prossimo alla Sala Auditorium Unipol Banca,  in piazza Costituzione 2, Bologna, dalle 9,30 alle 13,30. Introdurrà i lavori Antonio Mattioli, della segreteria Cgil regionale; interverranno rappresentanti delle federazioni di categoria, Andrea Lassandari presidente Consulta giuridica Cgil Emilia Romagna, Massimo Mezzetti assessore regionale alla Cultura, Politiche giovanili e Politiche per la legalità, Vincenzo Colla, segretario generale Cgil Emilia Romagna. Concluderà l'iniziativa Franco Martini, della segreteria Cgil nazionale. Modera il dibattito Giulia Gentile, giornalista.

“Nel sistema degli appalti si scarica l'abbattimento dei costi di fornitura e la realizzazione di beni e servizi troppo spesso a danno della qualità delle opere e dei diritti dei lavoratori - sostiene la Cgil -. In un sistema dove le lavoratrici e i lavoratori sono esposti ad una vita di precariato, senza carriere contributive dignitose, con basse retribuzioni e senza valorizzazione professionale, dove spesso non vengono rispettati i contratti nazionali di lavoro, trovano terreno fertile l'illegalità, la corruzione, il caporalato”. Con questo appuntamento, la Cgil intende rilanciare la legge regionale sugli appalti e facchinaggio e la raccolta firme a sostegno delle legge di iniziativa popolare con la quale si intende rafforzare la responsabilità in solido del committente, contrastare l'illegalità, l'evasione, le infiltrazioni malavitose e il massimo ribasso nei contratti di appalto, sancendo regole che consentano nei cambi appalto la tutela occupazionale e l'applicazione contrattuale, oltre all'introduzione delle liste di merito”.

“La nostra regione, come il resto del paese, ha palesato gli effetti di un sistema fuori controllo con l'inchiesta “Aemilia” e le catastrofiche conseguenze degli eventi climatici causate da un abbandono del presidio del territorio e della frammentazione dei cicli di produzione e servizio, attraverso gli appalti e i subappalti. Per queste ragioni all'iniziativa del 13 febbraio seguiranno decine di appuntamenti territoriali e migliaia di assemblee nei posti di lavoro, per sostenere le nostre proposte e per affermare che “Gli appalti sono il nostro lavoro, i diritti non sono in appalto”. Nel nostro territorio è possibile firmare in tutte le Camere del Lavoro territoriali, davanti alle mense (il 24 febbraio alla Gemos, il 25 alla Camst, il 26 al Self Service Bibi), ed ai supermercati nonché nei posti di lavoro durante la campagna di assemblee predisposta”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Garanzie ai lavoratori degli appalti: raccolta firme per la proposta di legge

ForlìToday è in caricamento