rotate-mobile
Economia Bertinoro

Albana e Sangiovese, "abbinamenti eclettici e mai banali": arriva il prestigioso riconoscimento

Si è svolto il Gran Premio internazionale della Ristorazione 2019, prestigioso riconoscimento dedicato alla cultura della tavola e dell’ospitalità

C’è anche la cantina bertinorese Tenuta Diavoletto tra i vincitori del Gran Premio internazionale della Ristorazione 2019, prestigioso riconoscimento dedicato alla cultura della tavola e dell’ospitalità patrocinato dall’International Maitres Association Hotel Restaurant, dalla Federazione Italiana Settore Turismo e dall’Agenzia Stampa Anic Genova. Lunedì, nella sala delle cerimonie del Grand Hotel di Rimini, sono stati presentati gli chef e i vignaioli selezionati dalla giuria del premio, guidata dal giornalista e critico enogastronomico Pier Antonio Bonvicini.

A comporre la commissione d’onore del premio, tra gli importanti esperti del settore presenti, anche Enrico Derflingher, già chef della Casa Reale inglese e della Casa Bianca e oggi presidente Euro-Toques International, Paolo Teverini, precursore della cucina naturale fin dagli anni ’90, e lo chef e maestro pasticcere Rossano Boscolo, fondatore e rettore dell’Etoile Academy, primo campus di gastronomia in Italia. Per quanto riguarda la Tenuta Diavoletto a conquistare la giura è stato “il profilo elegante e contemporaneo di Albana e Sangiovese, capaci di abbinamenti eclettici e mai banali a tavola dal momento dell’aperitivo fino ai piatti più elaborati. A ritirare il premio è stato Maximilian Girardi, alla guida dell’azienda di famiglia insieme al padre Gerhard.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Albana e Sangiovese, "abbinamenti eclettici e mai banali": arriva il prestigioso riconoscimento

ForlìToday è in caricamento