rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Economia

Sostenibilità ambientale, la forlivese Eco entra a far parte di BEEtaly

Grazie alla posizione geografica delle aziende, la rete copre tutto il territorio nazionale, incluse le isole

Il Gruppo Eco, impresa di Forlì che opera nel campo della gestione dei rifiuti, ha firmato giovedì pomeriggio alla manifestazione Ecomondo di Rimini, il documento costitutivo della rete di imprese BEEtaly, che si compone di otto imprese altamente specializzate nella gestione e nel trattamento dei rifiuti e muove complessivamente un fatturato intorno ai 90 milioni di euro. Grazie alla posizione geografica delle aziende, la rete copre tutto il territorio nazionale, incluse le isole.

Le imprese di BEEtaly si caratterizzano per avere specializzazioni complementari, riuscendo insieme a fornire risposte a 360° per tutto ciò che riguarda trattamento e smaltimento rifiuti e bonifiche ambientali. Di fatto, grazie ai suoi 660 addetti e ai 600 mezzi, BEEtaly è in grado di gestire qualunque situazione, ordinaria o di emergenza, in qualunque zona d’Italia. Gruppo Eco entra a far parte di BEEtaly come unica impresa dell’Emilia-Romagna e come unica con sede nell’area nord-orientale che va dalle Marche al Trentino Alto Adige.

Eco è articolata in due società di cui è holding al 100%, Ecotecnica e Ecovalbidente, per un totale di circa 60 addetti e un fatturato annuale intorno ai 10 milioni di euro. L’azienda opera nel trasporto, nella gestione e nel trattamento di rifiuti sia in ambito civile che industriale, nelle operazioni di bonifiche ambientali, anche in caso di siti contaminati, e nella dismissione dei siti industriali in disuso. Inoltre è specializzata nella lavorazione di rifiuti in ambito portuale, con macchinari e personale altamente formato in grado di operare nei serbatoi interni delle navi ancorate in banchina. Grazie ai propri siti di stoccaggio, può trattare tutti i materiali che non sono immediatamente eliminabili e smaltisce ogni anno 24000 tonnellate di rifiuti, di cui la metà classificati come pericolosi.

“Eco possiede un know how di competenze specifiche che ci ha permesso di essere tra le otto aziende selezionate per entrare a far parte di BEEtaly - ha dichiarato il presidente Sesto Soprani -. Vogliamo condividere il nostro sapere e contemporaneamente imparare da imprese che, come noi, sono altamente specializzate in aree specifiche della gestione dei rifiuti. Il logo di BEEtaly, un’ape sulle celle dell’alveare, non è casuale. L’ape simboleggia l’attenzione per la sostenibilità ambientale, mentre le celle che compongono l’alveare rappresentano le otto imprese che unite formano un organismo altamente performante.”

“BEEtaly è una grande possibilità per essere competitivi a livello  nazionale in un campo, quello della gestione dei rifiuti e della sostenibilità ambientale, particolarmente ostico - ha proseguito Carlo Casadio, amministratore delegato -. Abbiamo sposato subito il progetto perché l’unione fa la forza. BEEtaly è composta da aziende strutturate, una garanzia di qualità e affidabilità che permette di essere competitivi in tutta Italia. Questa rete è vantaggiosa sotto tutti i punti di vista: i clienti potranno interfacciarsi con un unico soggetto in grado di rispondere a qualsiasi esigenza in qualunque luogo a prezzi vantaggiosi; le imprese in rete potranno ottimizzare le spese potendo, come soggetto unico, contrattare tariffe migliori con grandi fornitori, siano essi di beni o servizi.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sostenibilità ambientale, la forlivese Eco entra a far parte di BEEtaly

ForlìToday è in caricamento