Imu, Confedilizia plaude il Comune di Forlì: "La proroga al 30 settembre è una misura apprezzabile"

L’Associazione della proprietà edilizia: “Ci attendiamo anche dal Governo segnali concreti, non si può scaricare tutto sui Comuni”

Confedilizia Forlì-Cesena, nel giorno in cui è previsto il termine per il pagamento della prima rata dell'Imu (Imposta Municipale Propria), interviene con parole di apprezzamento verso il Comune di Forlì e di tutti gli altri Comuni che si sono mossi in modo analogo. "E’ davvero apprezzabile la decisione assunta dalla Giunta con propria delibera - afferma il presidente provinciale di Confedilizia, Carlo Caselli - di consentire il versamento dell’acconto Imu fino al 30 settembre, senza applicazione di sanzioni e interessi".

"Ha vinto per fortuna la capacità di calarsi nella realtà delle situazioni, poiché l’IMU è un’imposta patrimoniale e, come tale, ha due soli modi per essere pagata: con i redditi provenienti dal bene colpito (è il caso degli immobili dati in locazione) o con redditi di altra natura, generalmente quelli da lavoro. In un periodo di eccezionale crisi come questo, però, entrambe le fonti di entrata sono a rischio - aggiunge Caselli -. Gli affitti, specie quelli dei locali commerciali (negozi, ristoranti ecc.), in molti casi non vengono pagati. I redditi da lavoro, dal canto loro, sono venuti spesso a mancare o ad essere fortemente ridotti”

"La delibera del Comune di Forlì si è resa necessaria anche per l’assenza di qualsiasi decisione da parte del Governo su un problema, quello di una tassazione patrimoniale sugli immobili esorbitante, che avrebbe dovuto essere considerato almeno in questo momento così grave per le famiglie italiane - conclude -. Continuiamo a chiederlo, sostenendo anche, con grande determinazione, che non si può scaricare tutto il peso di tale problematica sui Comuni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento