menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In 600mila al Villaggio Coldiretti: "Ecco le priorità del 'popolo' della campagna"

Dal Premier Conte, davanti a migliaia di coltivatori giunti da Forlì e Cesena, l’impegno sulla fiscalità agricola. Il leader della Lega Salvini alleato nella battaglia per l’etichettatura

Dall’impegno ad evitare qualsiasi intervento sul gasolio agricolo e sulla fiscalità in agricoltura, alla collaborazione per contrastare i cambiamenti climatici e la cimice asiatica, flagelli dei nostri campi dove negli ultimi 20 anni sono spariti una pianta da frutto su quattro. Queste le richieste che Coldiretti ha ribadito dal palco del Villaggio Contadino di Bologna, evento che nel weekend ha richiamato nel cuore della città felsinea oltre 600mila persone, giunte a migliaia dalla provincia di Forlì-Cesena. Appelli raccolti dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dal Ministro all’Agricoltura Teresa Bellanova e dal collega allo Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, tutti ospiti dell’evento conclusosi ieri.

Dai rappresentanti delle Istituzioni sono giunte rassicurazioni importanti su questi temi vitali per la nostra agricoltura, risposte che il ‘popolo della campagna’, dopo aver abbandonato i campi raggiungendo il cuore di Bologna per far sentire la propria voce, attendeva con ansia, anche perché in vista c’è il varo della nota di aggiornamento al Def, la manovra economica, da parte del Consiglio dei Ministri. L’auspicio, ora, è che il l’Esecutivo abbandoni ogni ulteriore ipotesi di aumento dell’Iva sui prodotti alimentari, per non cadere in una pericolosa fase di recessione che andrebbe a deprimere ulteriormente i consumi delle famiglie.

Di etichettatura da estendere a tutti i prodotti, sia per tutelare i consumatori che per valorizzare e difendere il lavoro che generazioni di aziende agricole si tramandano, contribuendo tra l’altro a fare dell’agricoltura italiana la più green e sana d’Europa e del mondo, si è parlato anche con il leader della Lega Matteo Salvini che si farà portavoce di quella che ha definito “una giusta battaglia per la trasparenza e contro la concorrenza sleale” sia in Parlamento che a Bruxelles.

Ai dibattiti istituzionali, durante la tre giorni, si sono alternati anche momenti formativi con workshop su alimentazione e salute promossi da Donne Impresa, il movimento femminile di Coldiretti guidato a livello provinciale da Lisa Paganelli, imprenditrice zootecnica che a Bologna ha presentato il laboratorio dedicato all’agricoltura simbiotica. Centinaia, inoltre, i bambini delle scuole materne ed elementari della nostra provincia che hanno ‘colorato’ l’Agriasilo del Villaggio imparando, grazie ai tutor delle fattorie didattiche, come creare un piccolo orto e stupendosi davanti alla grande Arca di Noè dove hanno ammirato i tanti animali salvati dall’estinzione grazie al lavoro dei nostri allevatori.

Decine i giovani imprenditori agricoli di Forlì-Cesena che sotto la guida del Delegato provinciale Andrea Alessandri, all’interno del ‘Villaggio delle Idee’, si sono confrontati con i colleghi giunti da tutta Italia sui temi dell’innovazione e sostenibilità in agricoltura. Spazio anche alle ricette contadine a Km0 con i visitatori che hanno potuto scoprire come cucinare i piatti della nonna andando a scuola direttamente dagli agrichef arrivati dalla Romagna: Fabio Della Chiesa dell’agriturismo Punto Zero di Cesena, Katia Sandri e Fabiola Zannoni del Campo Rosso di Civitella, Vittorina Gabellini della Fattoria della Bilancia di San Giovanni in Marignano e Giovanna Polloni de I Filari di Casalbono di Cesena.

Tante anche le eccellenze della nostra campagna in vendita nella grande area mercato di Campagna, dai ceci neri coltivati a Cesena, al Raviggiolo biologico dell’Appennino forlivese e ancora le farine di grani antichi e farro macinate a pietra e il pesce al cartoccio di Cesenatico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento