rotate-mobile
Giovedì, 9 Febbraio 2023
Economia

La Croazia è entrata nell'Eurozona, boom di importazioni in provincia di Forlì-Cesena: + 73% rispetto al 2021

Le importazioni sono pari a 14,2 milioni di euro (lo 0,7% del totale) e sono cresciute del 73,0% rispetto al medesimo periodo del 2021. Le importazioni dalla Croazia dirette in provincia riguardano prevalentemente prodotti agricoli

Dal 1 gennaio 2023 l’euro è la moneta ufficiale della Croazia, che raggiunge così la piena integrazione nell’Europa e diventa il 20esimo Paese membro dell’Eurozona. Dalla stessa data, la Croazia è anche entrata nell’area Schengen, lo spazio di libera circolazione europea, di cui è il 27esimo membro. Sono state così abolite numerose frontiere marittime e terrestri, in particolare quella che separava Trieste dall’Istria, a seguito della divisione avvenuta dopo il secondo conflitto mondiale. Sono eliminati, quindi, i controlli di frontiera ai confini terrestri e marittimi con l’Italia e gli altri Paesi europei, mentre quelli aeroportuali rimarranno fino al 26 marzo 2023. La libertà di movimento offrirà nuove opportunità per rafforzare la cooperazione tra l'economia italiana e quella croata.

Nel 2021, l'Italia è stata il secondo mercato di destinazione delle esportazioni croate di merci dopo la Slovenia, avendo accolto circa il 12,4% di tutte le esportazioni croate, e il suo secondo fornitore dopo la Germania.

Circa 340 imprese italiane detengono partecipazioni in società croate, impiegando oltre 12 mila persone.

Secondo le elaborazioni dell'ICE, l'Italia è uno dei paesi più coinvolti in Croazia e si classifica al quinto posto dopo Paesi Bassi, Austria, Lussemburgo e Germania per stock di investimenti diretti esteri dal 1993 (con 3,7 miliardi di euro, ovvero il 9,5% degli investimenti diretti esteri nel periodo 1993-2021).

La forte affinità è evidenziata anche dal fatto che nel 2021 418.000 turisti italiani hanno visitato la Croazia (4% degli arrivi totali di stranieri), rappresentando quasi 2 milioni di pernottamenti (3,2% dei pernottamenti totali di stranieri).

Focus provincia di Forlì-Cesena

Nei primi nove mesi del 2022, le esportazioni verso la Croazia sono state pari a 32,4 milioni di euro, corrispondenti al 1,0% del totale provinciale, e sono aumentate del 58,7% (+12,3% il totale provinciale) rispetto al medesimo periodo del 2021. I principali prodotti esportati sono: mezzi di trasporto (38,6% del totale export, +319,1% la dinamica tendenziale), apparecchiature elettriche (10,0%, -10,8%), Macchinari (7,7%, -15,3%), prodotti della metallurgia (7,6%, -3,1%), prodotti alimentari (7,1%, +17,3%).

Le importazioni sono pari a 14,2 milioni di euro (lo 0,7% del totale) e sono cresciute del 73,0% rispetto al medesimo periodo del 2021. Le importazioni dalla Croazia dirette in provincia riguardano prevalentemente prodotti agricoli (52,9% del totale) e prodotti alimentari (8,2%).

Il saldo commerciale è positivo e pari a 18,2 milioni di euro correnti (l’1,3% del totale territoriale).

L’interscambio commerciale nei primi nove mesi del 2022 ammonta a 67,0 milioni di euro, pari allo 0,9 del totale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Croazia è entrata nell'Eurozona, boom di importazioni in provincia di Forlì-Cesena: + 73% rispetto al 2021

ForlìToday è in caricamento