La favola della Nuova Butos, rinata grazie agli ex dipendenti. Vince il bando "StratCoop"

Il bando e la sua esplicazione, hanno sottolineato i relatori, è stato reso possibile grazie all'attenzione dimostrata dagli istituti bancari come Bpr Banca, Credito Cooperativo Ravennate, Forlivese e Imolese e Credito Cooperativo Romagnolo

Terminata la terza edizione del bando StartCoop proposta da Confcooperative di Forlì-Cesena con la proclamazione del vincitore che è la Nuova Butos di Forlimpopoli, seguita da C'Entro di Cesena, mentre terza si è classificata la San Zeno di Galeata. La premiazione, con il contributo economico di 12mila, 8mila e 5mila euro per il primo, il secondo e il terzo più vari benefit, si è tenuta presso la sede di Confcooperative a Cesena in via dell'Arrigoni alla presenza del presidente Mauro Neri, del direttore Mirco Coriaci e del funzionario Riccardo Cappelli responsabile del progetto Startcoop. A ritirare i premi il presidente della Nuova Butos Fabio Moretti, la direttrice di C'Entro Barbara Capellini e uno dei tre cofondatori di San Zeno Maicol Mescolini.

"Questa terza edizione - ha detto il responsabile del progetto Riccardo Cappelli - ha visto la partecipazione di nove cooperative tutte funzionanti e non semplicemente dei progetti sulla carta che poi potrebbero anche non realizzarsi. Complessivamente c'è stato un coinvolgimento di oltre sessanta persone”. “Veniamo da tempi difficili che ancora non si sono conclusi - sottolinea il direttore di Confcooperative di Forlì-Cesena Coriaci - l'emorragia di imprese non si è ancora esaurita, anche se la realtà cooperativa mantiene ancora inalterata la sua forza. Queste forme di lavoro associato sono un presidio territoriale che stabilisce un rapporto inscindibile con la realtà locale. Le tre aziende vincitrici, oltre al premio in denaro, riceveranno per un anno un aiuto sostanziale per tutti gli aspetti burocratici inerenti le loro attività".

"Andiamo a premiare tre fattive realtà territoriali - conclude Neri -. La prima classificata la Nuova Butos di Forlimpopoli è un'impresa recuperata e nasce dalla volontà degli operai di non perdere il lavoro, uniti hanno dato nuovo impulso alla produzione di bustine monodose di vari prodotti, dallo zucchero al sale all'olio, reclamizzati dai clienti, contando oggi ventidue dipendenti di cui tredici associati. La seconda classificata è una cooperativa di comunità che offre il servizio di doposcuola per i figli dei dipendenti di Orogel, la terza azienda è la San Zeno di Galeata, un progetto di comunità per creare una struttura sociale in una piccola realtà come San Zeno di centottanta abitanti completamente scoperta di servizi".

Il bando e la sua esplicazione, hanno sottolineato i relatori, è stato reso possibile grazie all'attenzione dimostrata dagli istituti bancari come Bpr Banca, Credito Cooperativo Ravennate, Forlivese e Imolese e Credito Cooperativo Romagnolo. Ai vincitori saranno offerti uno spazio coworking, progettazione e cura dell'immagine aziendale, agevolazioni su polizze assicurative, servizi di controllo di gestione, ricerca di contributi pubblici e finanziamenti agevolati, servizi publiredazionali sui quotidiani locali, formazione per neo-imprenditori e un percorso open innovation.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Dramma in A14, auto si schianta fuori strada e si ribalta nel fosso colmo d'acqua: un morto ed una donna ferita

  • Si ritrova "sgraditi ospiti" nella minestra: protesta per le larve nel pacco di pasta

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

Torna su
ForlìToday è in caricamento