La noce di San Martino in Strada è una "Protagonista dell'ortofrutta italiana"

L'imprenditore riminese Alessandro Annibali, amministratore delegato di New Factor e di Azienda Agricola San Martino di San Martino in Strada

L'imprenditore riminese Alessandro Annibali, amministratore delegato di New Factor e di Azienda Agricola San Martino di San Martino in Strada è fra i premiati di “Protagonisti dell’Ortofrutta Italiana”, l’evento che si terrà venerdì all’Hilton Molino Stucky di Venezia e che intende mettere in evidenza le professionalità di imprenditori e manager che possono essere portate ad esempio per stimolare la crescita del settore ortofrutticolo italiano.  La New Factor si occupa di  lavorazione e commercializzazione di snack naturali a base di frutta secca e disidratata ed è tra le 10 aziende che saranno premiate.

“Una chiara idea d’impresa, potere contare su un team di validi collaboratori, continuare ad investire in tecnologia, risorse umane e formazione. Sono tanti gli aspetti che caratterizzano la mission di New Factor – spiega l’AD Alessandro Annibali – e ci riempie di soddisfazione essere fra i Protagonisti dell’Ortofrutta Italiana. Presenteremo i nostri prodotti e racconteremo la nostra storia e la nostra esperienza. Un focus sarà ovviamente dedicato al progetto IN-NOCE, ideato da New Factor che ne è capofila, insieme ad Agrintesa ed a nove aziende agricole nell’ambito del Piano di Sviluppo Rurale della Regione Emilia-Romagna e che oggi conta numeri importanti: 260 ettari impiantati con le varietà Chandler, Howard e Lara, con l’obiettivo di raggiungere 300 ettari impiantati entro il 2021”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Lo scorso ottobre abbiamo inaugurato alla nostra azienda agricola San Martino (a San Martino in Strada) un nuovo centro per una produzione maggiormente digitalizzata ed interconnessa e destinato alla lavorazione della noce di Romagna. Un impianto all’avanguardia realizzato con un investimento di 1,5 milioni di euro, caratterizzato da una tecnologia nei canoni di un’industria 4.0 in cui confluiscono ad oggi tutte le noci prodotte nell’ambito del progetto di filiera. Una nuova linea dotata dei più moderni software che permettono un notevole risparmio di tempo nella lavorazione innalzando ulteriormente gli standard qualitativi. Il tutto con l’obiettivo di essere il punto di riferimento per il settore della nocicoltura in Emilia-Romagna e in Italia”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio delle vittime: tre morti nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus, il ringraziamento dell'azienda ai suoi dipendenti: un aumento in busta paga

  • Coronavirus, altri due morti a Forlì. I casi nel Forlivese salgono a 335

  • Coronavirus, rallenta ancora la crescita dei contagiati. Ufficializzate le prime guarigioni forlivesi

Torna su
ForlìToday è in caricamento