La ripartenza post-covid, incertezza e paura del futuro: "La burocrazia pesa sulla ripresa dell'attività"

Il campione di 234 imprenditori di Forlì-Cesena segnala nel 64,4% dei casi l’assenza di nuovi ordini e nel 59,4% dei casi la mancanza di liquidità

Incertezza e paura del futuro sono fattori comuni per il 56% degli imprenditori della provincia che hanno partecipato al sondaggio svolto dal Centro studi di Confartigianato Emilia-Romagna per fotografare la situazione delle micro e piccole imprese del territorio regionale. Dalla ricerca, realizzata nel periodo dal 5 al 15 giugno, si conferma l’impatto fortemente negativo della crisi da Covid-19. Il campione di 234 imprenditori di Forlì-Cesena segnala nel 64,4% dei casi l’assenza di nuovi ordini e nel 59,4% dei casi la mancanza di liquidità, criticità alle quali si aggiungono i mancati pagamenti per i servizi resi (45,2%) e l’assenza di rapporti commerciali legati a eventi fieristici (33,8%).

Come spiega il presidente di Confartigianato di Forlì, Luca Morigi, "dal sondaggio emerge una evidente difficoltà nel valutare l’andamento futuro del mercato. Oltre il 50% dichiara incertezza mentre per il restante 46,4% i tempi di ripresa, con un recupero del livello del fatturato ai livelli pre-emergenza, si allungano fino al 2021, con una media di 12 mesi. La situazione è grave e acuita da una burocrazia invasiva, non a misura di piccola impresa. La rilevazione infatti evidenzia un grado di complessità insostenibile per l’accesso agli uffici degli enti pubblici nel 57,8%, mentre nel 56,9% si segnala una difficoltà nella comprensione delle disposizioni, non solo nazionali. Da segnalare anche che il 50,5% degli aderenti al sondaggio ha sottolineato la difficoltà nella compilazione della richiesta di garanzia fino a 25mila euro, mentre il 44,1% ha messo in evidenza la mancata chiarezza della documentazione richiesta per l’accesso alle misure di sostegno della liquidità e del credito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Morigi fa notare che "le imprese denunciano complicazioni nell’adeguamento alle norme di sicurezza per gestire gli spazi di lavoro solo nel 8,5% dei casi. Segnale evidente che la collaborazione fra la Regione e le parti sociali per la definizione dei protocolli di sicurezza ha semplificato la ripresa delle attività dopo il lockdown". "Durante l’emergenza l’Associazione è stata interpellata dall’86,9% delle imprese e addirittura il 94,8% degli intervistati valuta Confartigianato come punto di riferimento e di supporto, un dato che ci riempie di orgoglio e ci spinge a lavorare con sempre maggiore impegno, per riuscire a essere sempre più vicini all’imprenditore", conclude Morigi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata non abbandona Corso Garibaldi: nuovo colpo al Lotto con un terno

  • Coronavirus, il bollettino domenicale: altri contagiati nel Forlivese

  • Coronavirus, ci sono i primi due studenti positivi: nessuna chiusura di classi e scuole

  • Coronavirus, altri quattro casi a Predappio. Tra i contagiati anche uno studente

  • Coronavirus, 5 pazienti in terapia intensiva. Scoppia un nuovo focolaio a Predappio

  • Denis Dosio, tanta sofferenza dietro il successo: confessione in lacrime al Grande Fratello

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento