Le centrali cooperative alla Camera di Commercio: "Azioni specifiche per l'emergenza"

La lettera è firmata da Mario Mazzotti, Alessandro Brunelli, Mauro Neri e Luca Bracci, in rappresentanza di Legacoop Romagna, AGCI Emilia-Romagna,Confcooperative di Forlì-Cesena e Ravenna-Rimini

L'emergenza coronavirus è anche economica: le centrali cooperative scrivono alla Camera di Commercio di Ravenna e a quella della Romagna (Forlì-Cesena e Rimini) per chiedere azioni specifiche a sostegno del tessuto economico-imprenditoriale presente sulle 3 province di Forlì-Cesena, Rimini e Ravenna. La lettera è firmata da Mario Mazzotti, Alessandro Brunelli, Mauro Neri e Luca Bracci, in rappresentanza di Legacoop Romagna, Agci Emilia-Romagna,Confcooperative di Forlì-Cesena e Ravenna-Rimini.

"In considerazione del particolare momento emergenziale – si legge nel documento congiunto – nel rispetto dell'ultimo DPCM emanato il 11/03/2020, invitiamo le Camere di Commercio territorialmente competenti sul territorio romagnolo, a valutare azioni specifiche a sostegno del tessuto economico-imprenditoriale presente sulle tre province di Forlì-Cesena, Rimini e Ravenna, attivando straordinariamente un sostegno fattivo e diretto". La prima misura richiesta è l'annullamento per l'anno 2020 del "Diritto annuale". "Questo “tributo” - fra l'altro aumentato per gli anni 2019 e 2020 del 20% - è dovuto ad ogni singola Camera di Commercio da ogni impresa iscritta o annotata nel Registro delle imprese e da ogni soggetto iscritto nel Rea - viene specificato -. Le centrali cooperative domandano poi l'annullamento dei "Diritti di segreteria e imposta di bollo" per il deposito del bilancio e dell'elenco soci per l'anno 2020, «ovvero per le pratiche depositate – anche successivamente - afferenti l'anno 2020".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A quanto ammontano tali spese? Per il deposito del Bilancio e dell’elenco soci vengono corrisposti “diritti di segreteria” alla Camera di Commercio pari a 62,70 euro con modalità telematica; 92,70 euro mediante supporto informatico digitale allo sportello camerale. Se l’elenco soci venisse depositato separatamente, è dovuto un ulteriore diritto di 60 euro. Per le cooperative sociali, iscritte all’Albo nella relativa sezione - inoltre - il diritto di segreteria dovuto è di 32,70 euro (e di 47,70 euro in caso di presentazione su supporto informatico digitale allo sportello camerale). L’imposta di bollo è dovuta nella misura fissa di 65 euro per l’intera pratica, a prescindere dagli allegati. Le cooperative sociali iscritte all’Albo nella relativa sezione sono esenti dall’imposta di bollo. Sono invece soggette a bollo, tutte le restanti società cooperative, edilizie comprese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dalla quaterna al terno: la Dea Bendata trova casa in Corso Garibaldi, nuova gioia col Lotto

  • Attacco di recensioni negative, il ristorante pubblica un cartello contro gli "haters"

  • Incidente sulla Cervese, ci sono feriti: lunghe code di auto nel rientro dalla riviera

  • Dove mangiare a Cesenatico? La top 5 dei ristoranti di pesce

  • Giovani e coronavirus, Vicini: "La perdita di gusto e olfatto non va sottovalutata. Serve consapevolezza"

  • Grande Fratello, fisico scolpito per Denis Dosio: sette mesi tra dieta e allenamenti, "Ammetto che è tosta"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento