Mercoledì, 17 Luglio 2024
Confcooperative

Le difficoltà del sistema di welfare territoriale: Confcooperative Romagna ricevuta al Ministero del Lavoro

Le cooperative sociali in Emilia-Romagna danno lavoro a 12.000 operatori di cui 5.300 con disabilità e in condizione di svantaggio

Il vicepresidente di Confcooperative Romagna e presidente di Federsolidarietà Emilia-Romagna Antonio Buzzi, è stato ricevuto insieme al segretario generale di Confcooperative, Marco Venturelli, al Ministero del lavoro e delle Politiche sociali.  L’incontro, reso possibile dalla mediazione della deputata Rosaria Tassinari, ha affrontato i problemi che stanno coinvolgendo le cooperative sociali di tipo B della Romagna in seguito ad alcune sentenze che hanno contestato l’applicazione del contratto collettivo nazionale della cooperazione sociale. Le cooperative sociali in Emilia-Romagna danno lavoro a 12.000 operatori di cui 5.300 con disabilità e in condizione di svantaggio.  

Pronunce che costituiscono precedenti pericolosi per una tipologia di impresa che nasce con l’obiettivo prioritario di inserire nel mondo del lavoro persone con disabilità e in condizione di svantaggio e, solo secondariamente, di farlo svolgendo molteplici attività e in più settori. "Il contratto collettivo applicato dalle cooperative sociali di tipo B - commenta Antonio Buzzi - è caratteristico e contiene istituti specifici adatti alle peculiarità dell’inserimento lavorativo. Metterlo in discussione rappresenta un grave rischio. La nostra speranza è che grazie al lavoro della politica nazionale si possa contribuire a trovare soluzioni per uscire da una problematica che, dall’Emilia-Romagna, si sta allargando anche ad altri territori. Una problematica che rischia di minare alle fondamenta un tipo di impresa etica e ad alto impatto sociale, che negli ultimi 30 anni ha portato risultati eccellenti sul nostro territorio".  

"Una problematica che, unita alle sofferenze economiche patite dalle cooperative sociali che fanno assistenza a bambini, anziani e persone con disabilità, dovute ai mancati riconoscimenti dell’aumento dei costi di varia natura da parte della Pubblica Amministrazione, rischia di mettere completamente in discussione un sistema di welfare che le comunità non possono permettersi di perdere", aggiunge Buzzi.  "A nome di Confcooperative Romagna - evidenzia Neri - ci tengo in modo particolare a ringraziare Tassinari per l’ascolto e la grande attenzione che ci ha dimostrato consentendoci di restituire al Governo una situazione che sta mettendo a rischio un’istituzione del nostro territorio. Un’attenzione che ci ha dimostrato a più riprese e che per noi è davvero preziosa". 

"Ho ritenuto necessario sottoporre al Governo le criticità che sta attraversando il sistema di welfare territoriale - spiega Tassinari -. È evidente che siamo di fronte ad una situazione molto problematica che si colloca, tra l’altro, in un momento particolarmente critico se teniamo conto dell’aumento insostenibile dei costi registrato negli ultimi anni. Il nostro ruolo sul territorio è proprio quello di raccoglierne le esigenze e consentire il collegamento con Roma, soprattutto in situazioni di forte criticità come questa. A maggior ragione, se parliamo di tutela della collettività e delle persone più fragili". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le difficoltà del sistema di welfare territoriale: Confcooperative Romagna ricevuta al Ministero del Lavoro
ForlìToday è in caricamento