rotate-mobile
Economia

Legacoop Romagna, il direttore generale Monica Fantini rassegna le dimissioni

Sono in corso le procedure per la designazione del successore, che sarà nominato dagli organi associativi nel più breve tempo possibile

Il direttore generale di Legacoop Romagna, Monica Fantini, ha rassegnato le dimissioni. Sono in corso le procedure per la designazione del successore, che sarà nominato dagli organi associativi nel più breve tempo possibile. Pro tempore le deleghe sono state conferite alla presidente, Ruenza Santandrea. "Fantini, dirigente dalla costituzione di Legacoop Romagna nel dicembre 2013, si è messa comunque a disposizione del movimento  cooperativo, in vista di nuovi incarichi - spiegano Santandrea e i vice presidenti Giampiero Boschetti, Luca Panzavolta e Massimo Matteucci -. A lei va il ringraziamento di tutti i cooperatori per il lavoro svolto e per il contributo che ha dato alle cooperative in un momento di difficile crisi economica e  riassetto generale dei meccanismi istituzionali".

"Legacoop ha avviato per prima il percorso di unificazione su area vasta, è una scelta di prospettiva, che con il riordino istituzionale  in atto avrà ricadute positive per il territorio - ricordano i vertici -. Sicuramente non tutto è semplice, diversi usi, abitudini, antiche differenze e diffidenze, occorre il tempo necessario, ma i risultati  di questi primi anni e il gradimento delle cooperative ci dicono che è la strada giusta. Le cooperative hanno dato un esempio che ? stato seguito da molti per la razionalizzazione delle strutture e la ricerca di una sempre  maggiore efficacia ed efficienza, pur nella consapevolezza che si  tratta di una scelta che comporta l'impegno costante di tutti per conciliare sensibilità e culture differenti.‎ L'obiettivo definito e condiviso rimane la costituzione dell'Alleanza delle Cooperative Italiane, insieme alle altre Centrali cooperative".

LE PAROLE DEL DEPUTATO MARCO DI MAIO - "La scelta di Monica Fantini è una spia d'allarme per due ragioni importanti che ci riguardano da vicino: il progetto Romagna e la Settimana del Buon vivere - commenta il deputato Marco Di Maio -. La crisi delle associazioni di categoria - aggiunge - che è evidente dallo stallo in cui si trova il progetto di fusione delle tre camere di commercio romagnole e dalle difficoltà analoghe a quelle riscontate da Legacoop con cui sono alle prese anche altre organizzazioni, non deve far rinunciare all'idea di una Romagna che mette da parte per sempre i vecchi campanili e lavora insieme. In questo l'esperienza della Settimana del Buon Vivere di cui Monica Fantini è stata promotrice, è stata di grande stimolo attingendo alle energie migliori, soprattutto tra i giovani. Per questo mi auguro che non solo possa continuare con la stessa effervescenza, ma che venga fatta propria da tutto il territorio. Abbiamo bisogno di generare opportunità e di farlo attraverso concetti nuovi come quelli della responsabilità sociale, della sostenibilità ambientale, della creatività. Ingredienti essenziali per costruire il futuro della Romagna. Coloro che, come il sottoscritto e molti altri a Forlì e dintorni, lavorano da tempo su questa visione devono unire gli sforzi al di là delle appartenenze politiche, territoriali e ideologiche. In gioco c'è qualcosa di più grande del destino dei singoli". 

L'INTERVENTO DI BRUNO MOLEA - "Stimo Monica Fantini e ho apprezzato il suo impegno all'interno di Legacoop e per il territorio. Fiore all'occhiello per la città è la "sua" Settimana del Buon Vivere: mi auguro che questo evento, fucina di intelletti e di idee, non debba scomparire nel tempo - afferma il deputato di Scelta Civica Bruno Molea -. Tanto l'impegno profuso da Monica per Forlì e la Romagna: la sua eredità, rappresentata anche e soprattutto dalla Settimana del Buon Vivere, trovi qualcuno in grado di farla proseguire nel tempo con la stessa verve e la stessa accelerazione che Monica le ha donato in così poco tempo. E' un fiore all'occhiello per Forlì e così deve rimanere, puntando semmai ad esportare le sua contagiosa vitalità anche fuori". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Legacoop Romagna, il direttore generale Monica Fantini rassegna le dimissioni

ForlìToday è in caricamento