menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Troppe multe. La municipale si occupi anche dei furti"

Il Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia entra nel merito del dibattito sulla sicurezza intrapreso nei giorni scorsi da alcuni politici forlivesi

Il Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia entra nel merito del dibattito sulla sicurezza intrapreso nei giorni scorsi da alcuni politici forlivesi. “Le statistiche sull'escalation dei furti in questi ultimi mesi potrebbero anche diminuire, di poche unità, circostanza da ricondurre ad una casistica che non può rallegrare nessuno perché questi reati hanno raggiunto cifre inaccettabili per quest’angolo di Romagna. All'assessore alla sicurezza del Comune di Forlì, che si arrampica sugli specchi per elogiare ed evidenziare l’attività svolta dal suo Ufficio nel ribattere ad alcune critiche di un consigliere comunale, ricordiamo che sarebbe stato doveroso fornire all'opinione pubblica anche i dati riguardanti la produzione delle tante pattuglie che dice di aver messo su strada, inducendo nel lettore l’erronea convinzione che questi agenti siano impiegati per il contrasto alla criminalità”.

Poi il sindacato analizza l'operato del vicesindaco Giancarlo Biserna: “Dall'inizio del suo mandato  (2009) le contravvenzioni al codice della strada della Polizia Municipale di Forlì hanno subito una preoccupante escalation, con grande soddisfazione per le casse comunali. Difatti, fino al 2008 la media è stata di circa 40mila verbali (41.463 nel 2005, 41.556 nel 2006, 39.936 nel 2007 e 42.726 nel 2008), per poi passare a quasi 47mila nel 2009 fino ad arrivare a 64.735 nel 2010 e 75.317 nel 2011. Invece, lo sbandierato contrasto alla criminalità (arresti e denunce all'Autorità Giudiziaria) ha continuato nel suo trend con una produzione marginale, nonostante la nota escalation criminale (meno di 8 arresti e 565 denunce annue in media, dal 2005 al 2011, in gran parte per violazioni al codice della strada e norme sull’edilizia). Questo impiego in forma quasi esclusiva degli Agenti della Polizia Municipale, che invece parteciperebbero volentieri nella lotta al crimine, di solito, è indirizzata dall’amministrazione da cui dipende.  orse, tutti questi agenti impegnati anche di notte, girano tra i sogni di qualcuno, nella speranza che il sognatore non sia turbato da qualche malintenzionato, come è accaduto a tanti e troppi concittadini in questi ultimi anni”
                                                                            

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Troppo stress nel lavorare da casa: il burnout da smart working

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento