Economia

Nasce il tavolo romagnolo dell'imprenditoria: "Ridare slancio alla discussione sull’area vasta"

Il Tavolo, viene spiegato, "assumerà il ruolo di coordinamento del mondo dell’impresa sulle problematiche economiche, sociali e istituzionali d’area vasta"

Giovedì a Cesena, con la partecipazione di 23 Associazioni d’impresa romagnole, rappresentate dai presidenti e direttori, è nato il Tavolo Romagnolo dell’Imprenditoria. Alla riunione di costituzione hanno aderito i rappresentanti d Agci Emilia-Romagna, Cna Forlì-Cesena, Cna Ravenna, Cna Rimini, Confagricoltura Forlì-Cesena e Rimini, Confagricoltura Ravenna, Confartigianato Forlì, Confartigianato Cesena, Confartigianato Ravenna, Confartigianato Rimini, Confcommercio Forlì, Confcommercio Cesena, Confcommercio Ravenna, Confesercenti Forlì, Confesercenti Cesenate, Confesercenti Ravenna, Coldiretti Ravenna, Cia Romagna, Confindustria Romagna, Confcooperative Romagna, Confimi Romagna, Legacoop Romagna e Rete Pmi Romagna, mentre altre Associazioni, impossibilitate a partecipare, hanno già dichiarato la loro adesione.

Il Tavolo, viene spiegato, "assumerà il ruolo di coordinamento del mondo dell’impresa sulle problematiche economiche, sociali e istituzionali d’area vasta e diventerà lo strumento principale di relazione e interlocuzione tra le Istituzioni locali e il mondo economico, sulle principali questioni di rango romagnolo. La costituzione del Tavolo Romagnolo dell’Imprenditoria vuole essere, inoltre, di stimolo alla Regione, alle Province e ai Comuni, per ridare slancio alla discussione sugli assetti istituzionali e sull’area vasta, che si è purtroppo arenata. E’ volontà del Tavolo di impegnarsi per costruire sintesi comuni sulle principali questioni programmatiche, nel rispetto dell’autonomia delle singole associazioni".

"Le priorità programmatiche che il Tavolo affronterà e che saranno decise collegialmente, verteranno, in primo luogo, sui principali passaggi e snodi strategici per lo sviluppo e la crescita sostenibile della Romagna, a cominciare dall’appuntamento con il Pnrr e le sue scelte operative e dal Piano Strategico della Romagna il cui percorso è stato avviato dai quattro Comuni principali dell’area - viene aggiunto -. Per quanto riguarda gli aspetti organizzativi di funzionamento del Tavolo, si è deciso di definire un regolamento apposito, da approvare alla prossima seduta del Coordinamento".

"La nascita del "Tavolo Romagnolo dell’Imprenditoria" è un fatto molto positivo per la Romagna e il suo sviluppo futuro - afferma il deputato romagnolo Marco Di Maio, vice presidente del gruppo di Italia Viva alla Camera -. La capacità delle organizzazioni di rappresentanza economica di provare a parlare con una voce sola e a strutturarsi su scala extra provinciale, risponde a un bisogno manifestato dalle imprese e anche dalle istituzioni, che non possono che trarre giovamento dal confronto con un soggetto che capace di fare sintesi tra le diverse posizioni che le varie categorie imprenditoriali rappresentano".

"L'auspicio è che questa importante novità possa stimolare anche una diversa architettura istituzionale della Romagna - aggiunge -: la suddivisione in tre Province e i campanili municipali, infatti, non perdono occasione di dimostrare di non essere più sufficienti a gestire la complessità della fase che stiamo attraversando e soprattutto le sfide che ci attendono. Serve almeno una istituzione unica romagnola, unendo magari le tre province, capace di confrontarsi alla pari, con più forza e maggiore autorevolezza con gli attori economici, sociali, culturali e istituzionali".

E tra le sfide che ci attendono, il deputato componente della Commissione Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni, cita l'utilizzo dei fondi del Pnrr. "Questa enorme opportunità - argomenta - non può esaurirsi con la somma dei progetti dei singoli territori, ma dovrebbe avere l'ambizione di inserire ogni intervento in un disegno armonico di sviluppo del territorio romagnolo. In questo ambito e in tutti quelli che riguardano lo sviluppo locale, il contributo che il tavolo romagnolo dell'imprenditorialità sarà sicuramente utile e importante".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce il tavolo romagnolo dell'imprenditoria: "Ridare slancio alla discussione sull’area vasta"

ForlìToday è in caricamento