Giovedì, 23 Settembre 2021
Economia

Nuove assunzioni alla Bonfiglioli, c'è il sì all'accordo: prevista la stabilizzazione di oltre 30 dipendenti

Nuova forza lavoro che si va ad aggiungere agli altri 5 già assunti nel bimestre febbraio-marzo

Ridurre la precarietà lavorativa, stabilizzando nel 2021 oltre 30 lavoratori. Questo l'obiettivo dell'accordo firmato martedì mattina dai sindacati con la direzione aziendale di Bonfiglioli Riduttori. "La Bonfiglioli Trasmital - ricordano i segretari di Fim, Fiom e Uilm Riccardo Zoli, Giovanni Cotugno e Luca Francia - è un’azienda solida, che occupa quasi 700 lavoratori e che negli ultimi anni ha visto crescere il suo fatturato e ha promosso un notevole piano di investimenti sulle proprie unità produttive. Per far fronte a questa crescita nel tempo si è fatto ricorso ad un utilizzo molto importante del lavoro interinale. Dopo un parziale rallentamento nella prima metà del 2020, dovuto alle chiusure causate dalla crisi epidemiologica, l’azienda è tornata a crescere nei volumi e ad assumere in maniera importante lavoratori precari".

"Proprio per questo negli ultimi mesi le organizzazioni sindacali hanno promosso un confronto serrato con la direzione aziendale per rivendicare una maggiore e progressiva stabilizzazione dei lavoratori somministrati. L’accordo sottoscritto prevede che, nel corso del 2021, almeno 30 contratti di somministrazione verranno trasformati in contratti ad assunzione diretta a tempo indeterminato (5 stabilizzazioni già effettuate e 25 ancora da porre in essere), ponendo fine alla condizione di precarietà dei lavoratori coinvolti e dando loro prospettive chiare e definite - proseguono i sindacati -. Inoltre l’accordo prevede un impegno tra le parti ad incontrarsi entro novembre del 2021 per discutere, sulla base dell’andamento dei volumi produttivi e del relativo utilizzo di lavoro interinale, della stabilizzazione di ulteriori lavoratori entro la fine dell’anno in corso".

"Viene a tal fine costituito un bacino di precedenza, volto alla valorizzazione delle professionalità acquisite in Bonfiglioli, che prevede un diritto di prelazione per i lavoratori che hanno svolto un periodo di lavoro in azienda - chiosano Zoli, Cotugno e Francia -. Infine, vengono programmati ulteriori incontri nel corso del 2022 nei quali si continuerà a discutere della progressiva riduzione dell’utilizzo di lavoro somministrato, dando così seguito al percorso intrapreso con l’accordo di martedì e di fatto sancendo l’importanza della stabilizzazione dei lavoratori per garantire un’occupazione di qualità in Bonfiglioli. Fim Fiom Uilm reputano l’accordo un passo in avanti molto significativo, frutto della determinazione dei lavoratori e delle solide relazioni sindacali costruite nel corso degli anni in questa azienda, e si impegnano affinché questo accordo rappresenti un modello da seguire e replicare su tutto il territorio".

"Si tratta di un importante traguardo di stabilizzazioni di un alto numero di lavoratori - commentano Francesco Stavale, segretario regionale Emilia-Romagna dell'Ugl Metalmeccanici, e Mauro Burzacchi Rsu dello stabilimento di Forlì -. Con l'accordo sottoscritto si garantisce per 25 persone un futuro di lavoro certo e vita sociale più tranquilla in una fase storica segnata dal problema della pandemia. C'è da dire che nel settore metalmeccanico, almeno al momento, il Covid non ha inciso per fortuna in modo negativo sulla forza lavoro.  , visto il radicamento della Bonfiglioli a Forlì (poco più di due anni fa l'attivazione della nuova linea di produzione per il settore dell'elettromobilità, ndr) siamo convinti che in un prossimo futuro non troppo lontano si potranno sottoscrivere altri accordi per nuove assunzioni o stabilizzazioni".

Foto di repertorio

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove assunzioni alla Bonfiglioli, c'è il sì all'accordo: prevista la stabilizzazione di oltre 30 dipendenti

ForlìToday è in caricamento