Domenica, 21 Luglio 2024
Imprese

Sbarcherà anche sugli scaffali internazionali: è Made in Forlì la novità che rivoluzionerà il mercato del kiwi

La novità negli scaffali è vicina: "Dulcis si raccoglierà in leggero anticipo rispetto all’Hayward e sarà disponibile da metà novembre"

Un’innovazione varietale tutta italiana che si prepara a rivoluzionare il mercato con il primo kiwi premium a polpa verde tutto italiano, grazie al progetto di valorizzazione e commercializzazione che ruota attorno al nuovo marchio Dulcis. “Dulcis - La dolcezza che sorprende” (“So Sweet, so good” per l’estero) arriverà sugli scaffali nazionali e internazionali da novembre: la nuova varietà è stata sviluppata dalla New Plant di Forlì in collaborazione con le Università di Udine e Bologna, mentre la valorizzazione commerciale sarà affidata ad una società ad hoc, la “Dulcis Kiwifruit Company” che riunisce, oltre a New Plant, tre top player: le aziende cooperative Alegra, Apofruit Italia e Orogel Fresco.

“L’obiettivo della newco è la valorizzazione di un prodotto unico e che siamo convinti possa essere dirompente sul mercato - spiega Mirco Montefiori, direttore di New Plant e presidente di Dulcis Kiwifruit Company -. Dulcis porterà sugli scaffali una nuova idea di kiwi a polpa verde: una proposta premium che colma un vuoto di mercato. Non una versione migliore dell’Hayward ma una varietà selezionata appositamente per garantire altissima qualità, elevato grado brix e grande equilibrio nel sapore. Un mix che, ne siamo sicuri, saprà stimolare e incuriosire il consumatore, appagandone il palato”.

Innovativo e pronto a dare una scossa al mercato, Dulcis si inserisce in un segmento che non ha accolto innovazioni rilevanti nella sua storia recente. “Per valorizzare al meglio un kiwi verde premium come Dulcis occorreva una squadra adeguata - prosegue Montefiori -. Ecco perché nasce ‘Dulcis Kiwifruit Company’ che riunisce New Plant in qualità di costitutore e di coordinatore del progetto, e tre realtà cooperative leader nel comparto dei kiwi: Alegra, Apofruit e Orogel Fresco. A loro sarà affidato il compito di collocare sul mercato Dulcis con una strategia unitaria e condivisa. Alla nuova azienda spetterà il compito di definire il coordinamento commerciale, promozionale e di marketing e di vigilare rigidamente sulla qualità dei frutti immessi sul mercato. La qualità e la premiumness richiedono regole precise”.

E regole precise sono previste anche per la produzione. “La varietà Ac 459 011 che sarà commercializzata come Dulcis sarà riservata ai produttori soci delle realtà che hanno fondato la compagnia, a garanzia del rispetto dei precisi disciplinari di produzione che sono stati individuati. Dulcis crescerà quindi negli actinidieti di Apofruit, Orogel e dei soci di Agrintesa e di Apo Conerpo a cui fa riferimento Alegra. Oggi gli ettari in produzione sono ancora limitati ma i soci hanno formalizzato un piano di sviluppo che come prima fase ha l’obiettivo di raggiungere i 500 ettari dedicati entro il 2025”.

L’arrivo negli scaffali è dunque vicino: “Dulcis si raccoglierà in leggero anticipo rispetto all’Hayward e sarà disponibile da metà novembre. Il consumatore potrà riconoscerlo per l’iconico bollino e per il claim che lo accompagnerà: ‘La dolcezza che sorprende’ per il mercato nazionale e ‘So Sweet, so good’ per l’estero. Un messaggio chiaro che sintetizza la natura, le caratteristiche e le ambizioni del primo vero kiwi verde premium della storia del kiwi in Italia”, conclude Montefiori.

Dulcis_gruppo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sbarcherà anche sugli scaffali internazionali: è Made in Forlì la novità che rivoluzionerà il mercato del kiwi
ForlìToday è in caricamento