Sabato, 20 Luglio 2024
Economia

La forlivese Orienta Capital Partners acquisisce la storica multinazionale di macchine per il taglio

La società di investimento ha acquisito la maggioranza della bolognese Bierrebi, leader mondiale nella progettazione e assemblaggio di macchinari per il taglio a fustella e Cnc

La società forlivese Orienta Capital Partners, specializzata in investimenti intersettoriali, ha acquisito la maggioranza di Bierrebi, società bolognese leader mondiale nella progettazione e assemblaggio di macchinari per il taglio, a fustella e Cnc (a controllo numerico computerizzato), di diversi materiali come tessuto, tessuto-non-tessuto e compositi, per diversi settori di applicazione quali abbigliamento, medicale e automotive. Nell’operazione hanno reinvestito con quote di minoranza i due imprenditori Francesco Virlinzi e Mario Paoluzi, che rimarranno come amministratori delegati, oltre ai manager Simone Compagnucci e Giuseppe Cianci.

Bierrebi, con sede principale a Sasso Marconi (Bologna), realizza diverse tipologie di macchinari destinati principalmente al settore manufatturiero-tessile e caratterizzati da un elevato grado di automazione, affidabilità, efficienza e ridotto consumo energetico. L’azienda ha chiuso il 2022 con un fatturato di circa 20 milioni di euro, forte di un Ebidta margin superiore al 45%. Fondata nel 1963, Bierrebi controlla 2 società in USA e India ed è presente in più di 29 paesi, dove fornisce da decenni le principali multinazionali produttrici di abbigliamento. 

Orienta investe in Bierrebi con precisi obiettivi, il cui raggiungimento potrà essere accelerato tramite acquisizioni mirate di altre realtà del settore, alcune delle quali già individuate. Nello specifico, gli obiettivi di Orienta sono quelli di consolidare la posizione di leadership della società nel settore dei macchinari da taglio a fustella attraverso il potenziamento della rete commerciale, l’espansione della base clienti e l’ampliamento geografico dei mercati;; di accelerare l’espansione commerciale nel segmento delle macchine Cnc, dove la società ha da poco lanciato nuovi innovativi prodotti; di espandere i settori di applicazione, alcuni dei quali già in fase avanzata di sviluppo, facendo leva sul know-how tecnologico e la capacità di innovazione, frutto di anni di esperienza nel campo.

Anche quest’operazione di Orienta fa parte del progetto all’avanguardia FA R Evolution, fondato su quattro pilastri: innovazione, tecnologia, ecosostenibilità e transizione digitale. Con il progetto FA R Evolution, Orienta intende creare un ecosistema formato da realtà ricche di competenze specialistiche: oltre che da innovazione, tecnologia, ecosostenibilità e transizione digitale, le aziende di FA R Evolution sono caratterizzate dalla voglia di “fare il futuro” di imprenditori e manager audaci, che possono quindi portare e trarre stimoli nuovi nell’interscambio tra le parti. Di FA R Evolution fanno già parte gli investimenti in Rockin’ 1000, Trendcolor, Ilma, Act Blade, Contrader e Plyform.

“È un piacere partecipare alla storia di questa realtà italiana leader mondiale nel suo settore - commenta Lorenzo Isolabella, socio di Orienta Capital Partners -. Ne abbiamo colte fin da subito le sintonie con il nostro progetto FA R Evolution, in particolare per quanto riguarda capacità di innovare, tecnologia ed ecosostenibilità: i macchinari di Bierrebi, infatti, non abbattono solo i consumi e gli scarti di lavorazione, ma sono anche all’avanguardia e altamente innovativi per questo mercato, grazie al costante impegno nella ricerca e sviluppo. Abbiamo ben chiare le strade che permetteranno a Bierrebi di crescere ulteriormente e di guadagnare nuova competitività in altre nicchie di mercato; e stiamo già iniziando a percorrerle”.

“Siamo felici di aver chiuso il cerchio: Bierrebi è una società modello che il mio socio Mario Paoluzi e io abbiamo rilevato nel 2009 in un contesto critico di mercato; grazie alle professionalità presenti in azienda, l’abbiamo rilanciata e resa una realtà di cui siamo orgogliosi - dichiara Francesco Virlinzi, presidente e amministratore delegato di Bierrebi -. Oggi siamo molto soddisfatti di avere individuato in Orienta un partner che, in piena sinergia con noi, consentirà a Bierrebi di proiettarsi verso un futuro ancor più radioso e di successo. Il know how sviluppato in questi anni e la qualità del nostro prodotto e delle nostre soluzioni ci consentono di rivestire, con la nuova compagine azionaria, un ruolo di player più globale e diversificato nei mercati in cui già operiamo e in quelli che siamo pronti a esplorare”.

L’operazione è stata finanziata tramite un prestito obbligazionario mezzanino da Riello Investimenti SGR (assistita dallo studio Orrick) e tramite un finanziamento senior concesso da un pool di istituti di credito - assistiti da Simmons & Simmons - composto da BPER Banca (che ha agito tramite la propria direzione Corporate & Investment Banking) in qualità di Bookrunner, Mla e Banca Agente, assieme a Ifis, Solution Bank e Green Arrow Capital Sgr (attraverso il fondo Green Arrow Private Debt Fund II) in qualità di MLAs.

Orienta Capital Partners è stata assistita da Deloitte, che si è occupata della financial e tax due diligence, da Pwc, per quanto riguarda la Business Due Diligence, da Hpc per quanto riguarda la Due Diligence in ambito Environmental, Health & Safety, da Gitti & Partners per gli aspetti legali e da Lincoln International in qualità di debt advisor. I venditori e Bierrebi sono stati affiancati da Poggi e Associati, in qualità di advisor finanziario, nelle persone del name partner Luca Poggi e dei partner Emanuele Gnugnoli e Giacomo Passaniti e dallo Studio Legale Bonelli Erede per gli aspetti legali. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La forlivese Orienta Capital Partners acquisisce la storica multinazionale di macchine per il taglio
ForlìToday è in caricamento