rotate-mobile
Martedì, 27 Settembre 2022
Imprese

Dal make up alla bio edilizia in legno: nuova acquisizione per la società d'investimento forlivese

Orienta Capital Partners, società con sede a Forlì specializzata in investimenti in piccole e medie imprese dall’elevato potenziale di crescita, annuncia l'acquisizione della maggioranza di "Ilma"

Dal make-up alla bio edilizia il passo è decisamente breve. Dopo aver annunciato di aver acquisito la maggioranza di "Trendcolor", azienda con base a Milano attiva nello sviluppo e produzione di polverii ed emulsioni personalizzati per brand indipendenti e del luxury del settore make-up, a livello globale, Orienta Capital Partners, società con sede a Forlì specializzata in investimenti in piccole e medie imprese dall’elevato potenziale di crescita, annuncia l'acquisizione della maggioranza di "Ilma", realtà cuneese specializzata nella progettazione e produzione di tetti, pareti e altre strutture in legno per edilizia tradizionale e bio-edilizia. Si tratta di un'azienda storica, punto di riferimento del nord-ovest (ha sede a Magliano Alpi, in provincia di Cuneo)- area nella quale mira a realizzare circa 20 milioni di euro fatturato nel 2022.

All’operazione hanno partecipato con quote di minoranza Indigo Capital (anche finanziatore dell’operazione attraverso un prestito obbligazionario mezzanino) e il manager Marco Alberani, che ha assunto inoltre la carica di amministratore delegato. Gli attuali proprietari di "Ilma" hanno ceduto il 100% del capitale. Anche quest’operazione di Orienta fa parte del progetto all’avanguardia "Fa R Evolution", fondato su quattro pilastri: innovazione, tecnologia, ecosostenibilità e transizione digitale. 

Con il progetto "Fa R Evolution", Orienta intende creare un ecosistema formato da realtà ricche di competenze specialistiche: oltre che da innovazione, tecnologia, ecosostenibilità e transizione digitale, le aziende di "Fa R Evolution" sono caratterizzate dalla voglia di “fare il futuro” di imprenditori e manager audaci, che possono quindi portare e trarre stimoli nuovi nell’interscambio tra le parti. Di "Fa R Evolution" fa già parte l’investimento in Rockin’ 1000 e, a breve, Orienta investirà in nuove società portandole a far parte del progetto. 

""Ilma" è una realtà italiana in forte ascesa e con prospettive molto interessanti: rientra perfettamente nel nostro progetto "Fa R Evolution", grazie alla sua caratteristica carica innovativa e alla sua ecosostenibilità - affermano Augusto Balestra e Lorenzo Isolabella, soci di Orienta Capital Partners -. Proprio nello spirito di ecosistema e interscambio di "Fa R Evolution", ci poniamo l’obiettivo di creare intorno a "Ilma" un gruppo innovatore nel settore della bioedilizia. Per farlo, costruiremo processi sinergici di aggregazione e di integrazione con aziende che offrono prodotti complementari".

""Con questo investimento apriamo ulteriori strade di crescita per "Ilma" - spoega Marco Alberani, socio e amministratore delegato di "Ilma" -. Non solo per linee esterne, ma anche per linee interne. Pianifichiamo, infatti, di dare vita ad una nuova organizzazione della rete di vendita, raddoppiando il mercato nei prossimi 4 anni. Ci espanderemo nel nord e nel centro Italia, nonché nelle aree estere confinanti. Inoltre, già oggi i prodotti di "Ilma" sono altamente ecosostenibili: vendiamo gli scarti e sopprimiamo al massimo l’obsolescenza e gli sprechi. In aggiunta a questo, progettiamo di raggiungere l’autosostenibilità dal punto di vista energetico. Così, con il supporto di Orienta, creeremo ancor più valore per tutti gli stakeholder di "Ilma"".

Alberani è manager di solida esperienza nella gestione e nell’organizzazione di aziende sia in Italia sia a livello internazionale: possiede una riconosciuta esperienza in molteplici tipi di operazioni, avendo già ricoperto diversi ruoli di amministratore delegato e general manager. L’operazione è stata finanziata tramite prestito obbligazionario mezzanino da Indigo Capital (assistita dallo studio Gitti and Partners). Iccrea Banca e Banca Alpi Marittime hanno agito come istituti finanziatori (assistiti da Simmons & Simmons).

Orienta Capital Partners è stata assistita da Grant Thornton, che si è occupata della financial e tax due diligence; da BModel, per quanto riguarda la Business Due Diligence e la redazione del Piano Industriale; da Pavia & Ansaldo per gli aspetti legali e da Lincoln International in qualità di debt advisor. I venditori sono stati affiancati da Mit.Fin, in qualità di advisor finanziario e dallo Studio Legale e Tributario Heussen per gli aspetti legali. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal make up alla bio edilizia in legno: nuova acquisizione per la società d'investimento forlivese

ForlìToday è in caricamento