Lunedì, 18 Ottobre 2021
Economia

Covid e restrizioni, il grido d'aiuto di Confesercenti: "Così non possiamo più continuare"

La petizione chiede lo sblocco del quinto decreto Ristori per poter finalmente accedere ai contributi promessi e già stanziati e la possibilità di rimanere aperti fino alle 21.30 se in zona gialla e alle 18 se in zona arancione

"Aiuta il tuo locale": Fiepet-Confesercenti ha lanciato una petizione nel quale si chiede agli esercenti e ai clienti dei locali, di firmare una petizione a sostegno dei pubblici esercizi, la cui situazione si fa sempre più drammatica dopo le lunghe limitazioni a causa dei provvedimenti seguiti alla pandemia. "Così non possiamo più continuare - evidenzia il presidente di Fiepet-Confesercenti Forlì, Vittorio Casali -. Chiediamo la possibilità di aprire fino alle 21.30 se in zona gialla, in modo da poter organizzare più turni, contrastando così assembramenti  e consentirci di non morire".

"Ribadiamo che i primi a voler garantire la sicurezza sanitaria di clienti e lavoratori siamo noi. Il fatturato medio del settore nel mese di gennaio è stato del 2%, rispetto all’anno scorso, ed è chiaro che così rischiamo di chiudere; inoltre, anche l’accesso al credito si fa sempre più difficile, perché le banche cominciano a considerare ristoranti e bar attività a rischio - conclude -. Riteniamo necessario concertare con i tavoli istituzionali, anche un progetto di rilancio del turismo, per non trovarci impreparati nel momento in cui  questa situazione di crisi finalmente finirà". La petizione chiede, in sintesi, lo sblocco del quinto decreto Ristori per poter finalmente accedere ai contributi promessi e già stanziati e la possibilità di rimanere aperti fino alle 21.30 se in zona gialla e alle 18 se in zona arancione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid e restrizioni, il grido d'aiuto di Confesercenti: "Così non possiamo più continuare"

ForlìToday è in caricamento