menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Polemica tra sindacati alla Trasmital sull'elezione degli Rsu

"La FIOM CGIL ha vinto le elezioni ottenendo il 69% dei voti (340 ), la UILM UIL ha ottenuto il riconoscimento di una rappresentanza consolidata con il 26% dei voti (126)"

“Le elezioni per il rinnovo delle rappresentanze sindacali (RSU) che si sono svolte alla Trasmital Bonfiglioli di Forlì nei giorni 15, 16 e 17 maggio hanno dato un responso molto chiaro: la FIOM CGIL ha vinto le elezioni ottenendo il 69% dei voti (340 ), la UILM UIL ha ottenuto il riconoscimento di una rappresentanza consolidata con il 26% dei voti (126 ), mentre la FIM CISL con il 5% (25 ) non ha raggiunto i numeri per eleggere (anche se è vigente un sistema proporzionale in grado di tutelare le minoranze) alcun delegato”. Lo ricordano in una nota, Michele Bulgarelli e Moreno Cimatti della Fiom ed Enrico Imolesi della Uilm.

“Ora però ci troviamo nella condizione paradossale che la FIM CISL , con la complicità dell’azienda, ottenendo  il 5% dei voti e non contestando il voto e quindi accettandone l’esito nomina comunque in modo unilaterale il delegato. L’azienda utilizzando  strumentalmente  questa iniziativa della FIM CISL ha di fatto comunicato ufficialmente la sospensione dell’agibilità sindacale. Vogliamo ricordare inoltre che la BONFIGLIOLI  ha firmato un accordo con la FIOM CGIL di abiura del CCNL 2009 (firmato da Federmeccanica - FIM e UILM ) in contrasto con la propria associazione di categoria nazionale, questa situazione è sicuramente un elemento negativo che pesa su tutta questa vicenda”, Attacca Imolesi

“La FIOM e la CGIL chiedono a tutti che vengano garantite e ripristinate nel territorio la certezza delle regole e il principio per il quale le elezioni sono il momento in cui i lavoratori, con il loro voto, decidono chi li deve rappresentare. La Bonfiglioli non ha alibi e non pensi di utilizzare in modo pretestuoso e strumentale il comportamento della FIM-CISL per negare i diritti e la libertà dei propri dipendenti.La risposta della FIOM, della CGIL e di tutti i lavoratori sarà ferma e determinata. Se la Bonfiglioli non farà un passo indietro sappia che siamo pronti a difendere la libertà e la democrazia con ogni mezzo necessario”, conclude la nota della Fiom.

Dello stesso avviso Imolesi: "La UILM UIL chiede alla FIM CISL di ritirare immediatamente la comunicazione con la nomina del delegato inviata all’Azienda per ripristinare un clima più sereno all’interno dello stabilimento e dare la possibilità ai lavoratori di essere rappresentati. La UILM e la UIL chiedono all’azienda di ripristinare nello stabilimento TRASMITAL Bonfiglioli di Forlì i diritti sindacali che sono una forma di libertà e democrazia all’interno dello stabilimento, se questo non dovesse accadere la UILM e la UIL metteranno in campo tutte le iniziative  necessarie affinchè i lavoratori possano tornare ad essere rappresentati come è loro diritto".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento