rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Carburanti

Benzina e diesel, aumenti alle stelle. E la verde servita vola sopra i 2 euro

Con il Brent sopra gli 86 dollari al barile, già oltre il record del 2021 e ai massimi dal 2018, tutte le compagnie hanno rivisto i prezzi

Schizzano all'insù i prezzi di benzina e gasolio, con le compagnie e pompe bianche che sono tornate a correggere i listini al rialzo nel fine settimana. E a Forlì, stando alle rilevazioni pubblicate sul portale "Osservaprezzi carburanti" del Ministero dello Sviluppo Economico, il costo per un litro di verde in modalità servito è impennato sopra i 2 euro. Con il Brent sopra gli 86 dollari al barile, già oltre il record del 2021 e ai massimi dal 2018, tutte le compagnie hanno puntualmente rivisto i prezzi.

Secondo le stime del Codacons, che calcola le ricadute degli aumenti dei listini alla pompa sulle tasche delle famiglie, i nuovi rincari che si stanno registrando presso i distributori di carburanti portano così un pieno di benzina a costare 14,6 euro in più rispetto allo stesso periodo del 2021, mentre per un pieno di gasolio si spendono 14,4 euro in più.

"La benzina, con un prezzo medio pari a 1,759 euro al litro, costa il 20% in più rispetto ad un anno fa - afferma il presidente Carlo Rienzi – Il gasolio (1,628 euro al litro litro) è aumentato in un anno del +21,6%, incrementi che hanno effetti diretti sulle spese dei consumatori: solo per i rifornimenti di carburante una famiglia spende oggi +352 euro all’anno in caso di auto a benzina, +347 euro in caso di auto a gasolio".

"E agli effetti diretti vanno aggiunti quelli indiretti sui prezzi al dettaglio, considerato che costi di trasporto più elevati fanno aumentare i listini di una miriade di prodotti, con conseguenze dirette sull’inflazione e sui portafogli degli italiani", conclude Rienzi.

La mappa dei prezzi

Consultando il portale "Osservaprezzi carburanti" del Ministero dello Sviluppo Economico, all'area di servizio Eni di viale Roma 128 e a quella di viale 2 Giugno per un litro di benzina servito dall'operatore occorrono 2,029 euro (2,179 per la Blue Super) e 1,879 per il gasolio (1,979 per il Blue Diesel), mentre in modalità self 1,809 e 1,659 per verde e diesel e 1,959 e 1,759 per  Blue Super e Blue Diesel. Verde servita a quota 2,029 anche nelle altre due stazioni Eni di viale Roma 29 e 400 e in via Cervese. Ed è sopra i 2 euro in modalità servito anche la verde alla stazione Eni di via Pollini, via Piave e via Ravegnana.

Aumenti non solo per Eni, ma anche per le altre compagnie. Sfiora i 2 euro la verde servita dall'operatore alla Esso di via Ravegnana (1,929 euro, self 1,719), mentre per il diesel il costo è di 1,799 (self 1,589) e Supreme Diesel 1,979 (1,789 self). Sopra quota 1,90 in modalità servito anche l'area di servizio Gep di via Decio Raggi (1,939, mentre al fai da te scende a 1,709). Per quanto riguarda Ip, la verde viene servita al litro a 1,889 (self 1,759) secondo i prezzi aggiornati al 14 gennaio, ad eccezione dell'area servizio di viale Roma 79 dove il costo al litro è di 2,009 (self 1,769). La stazione Q8 di viale Risorgimento 56 serve la verde al litro a 1,979 (self 1,764), mentre il diesel a 1,849 (1,634). 

Perché la benzina costa così tanto

Il prezzo della benzina aumenta a livello internazionale quando aumenta il costo del petrolio. Non si tratta quasi mai di sbalzi immediati. Quando sale il costo del petrolio, il costo della benzina aumenta lentamente, e quando scende il prezzo del petrolio, il prezzo della benzina scende lentamente. Il greggio infatti è una cosa, benzina e gasolio che si acquistano ai distributori un’altra. Sul prezzo alla pompa incidono, oltre al valore della materia prima, i costi di estrazione, raffinazione, stoccaggio, trasporto e il costo della distribuzione finale.

Tutto ciò sommato al peso di Iva e accise. Per questo il prezzo alla pompa non può essere proporzionato alla quotazione del greggi. Riducendo tasse e accise in Italia il costo a litro sarebbe più basso, simile ad altri Paesi europei, anche senza arrivare ai mitologici 50 centesimi a litro di cui ciclicamente si torna a parlare (prezzo depurato da tasse e accise). Tutti i Paesi tassano il carburante, l'Italia resta in testa alla classifica per il peso fiscale a litro: un impatto di 1 euro a litro, secondo un'indagine di Federcontribuenti di qualche tempo fa. Negli Stati Uniti la benzina costa circa la metà di quanto la paghiamo noi in Italia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benzina e diesel, aumenti alle stelle. E la verde servita vola sopra i 2 euro

ForlìToday è in caricamento