rotate-mobile
Economia

Riforma delle pensioni, la Uil pronta alla mobilitazione: "Inaccetabile tornare alla Fornero"

Imolesi rimarca come "le proposte della Uil sono chiare e da tempo su tavolo. Arrivati a 41 anni di servizio è giusto e legittimo andare in pensione"

Sulla riforma delle pensioni "la Uil di Forli è pronta alla mobilitazione". Lo evidenzia il segretario generale Enrico Imolesi, evidenziando come "le proposte arrivate dal governo, “quota 102” e “quota 104”, sono del tutto irricevibili". Concluso per ora il tavolo di confronto con il governo, "l'unica certezza è che a fine anno termina quota 100 e riparte la legge Fornero, una strada per noi inaccettabile". Imolesi rimarca come "le proposte della Uil sono chiare e da tempo su tavolo. Arrivati a 41 anni di servizio è giusto e legittimo andare in pensione. È necessario rivedere ed aggiornare quelle categorie di lavorai definiti gravosi ed usuranti. Vanno confermate ed incentivate forme di flessibilità in uscita a partire dai 62 anni anche per chi non ha i 41 anni di contributi. Al netto però delle nostre proposte occorre chiarire bene il perimetro entro cui ci si muove".

"La crisi finanziaria partita nel 2008 è stata di fatto affrontata varando misure “economicamente sostenibili” - prosegue il segretario generale della Uil Forlì -. Se per molti queste scelte potevano sembrare sufficienti, nel tempo sono diventate, per tutti coloro che hanno occhi per vedere, scelte sbagliate. L’errore, diventato evidente a tutti, è che tali scelte, Fornero in primis, tennero conto esclusivamente della sostenibilità economica e non di quella sociale. Una sostenibilità sociale tanto complessa ed articolata quanto lo è il tessuto vivo e vitale di una pese in cui devono trovare considerazione e tutela le persone in quanto tali. Ogni manovra o scelta non può prescindere dal tenere insieme l’aspetto economico con quello sociale. Due facce della stessa medaglia che riteniamo debbano stare insieme e che faremo di tutto per tenere insieme. Dopo un decennio in cui le disuguaglianze sociali sono cresciute enormemente dividendo sempre più la nostra comunità dobbiamo far si che la ripresa, in tutte le riforme o rinnovi contrattuali in cui si concretizzerà, tenga in adeguata considerazione la sostenibilità sociale".
 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riforma delle pensioni, la Uil pronta alla mobilitazione: "Inaccetabile tornare alla Fornero"

ForlìToday è in caricamento