Le imprese non si arrendono, la voglia di ripartire è più forte del Covid. E si punta molto sui social

"Le imprese non si arrendono, mostrando grande determinazione - chiarisce il presidente di Confartigianato di Forlì Luca Morigi -. Sono fondamentali i segnali diffusi di resilienza"

Confartigianato ha effettuato una nuova rilevazione su un campione di imprese associate mettendo in evidenza una attenuazione dell’impatto della crisi Covid-19, pur registrando performance ancora fortemente negative. In termini di fatturato le micro imprese indicano, a maggio, un calo intenso pari al -39,5% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, che risulta però in miglioramento rispetto al -57,1% rilevato ad aprile. In merito ai tempi di recupero dei livelli di fatturato pre-crisi, oltre la metà (53,1%) degli imprenditori si definisce incerto rispetto all’andamento futuro del mercato, esprimendo un deterioramento delle aspettative su cui parametrano la domanda di lavoro e quella per investimenti. La restante quota (46,9%) di imprenditori che formula una previsione, ritiene che saranno necessari in media 12 mesi per recuperare i ricavi pre-crisi.

"Le imprese non si arrendono, mostrando grande determinazione - chiarisce il presidente di Confartigianato di Forlì Luca Morigi -. Sono fondamentali i segnali diffusi di resilienza. Entro i prossimi 12 mesi più di una micro e piccola impresa su due (53,3%) è orientata a introdurre almeno un cambiamento reattivo; in particolare quelli maggiormente adottati sono l’attivazione di nuovi canali di vendita (26,1%),i cambiamenti dell’organizzazione interna, quali orari e modalità di lavoro (21,9%), l’ampliamento del numero dei committenti (17,4%), l'attivazione di nuove relazioni con altre imprese (14,3%) e l’ingresso in nuovi mercati (14,2%)".

Oltre al pesante shock economico, la crisi causata dall’epidemia ha indotto un effetto secondario positivo, continua il presidente "le imprese stanno accelerando sulla digital transformation, sei su dieci (56,7%) hanno, infatti, implementato l’utilizzo di una o più tecnologie digitali, tra le quali sito web, social network, piattaforme di videoconferenze, formazione on-line e e-commerce. In particolare, il 71,5% di queste realtà ha incrementato l’utilizzo di uno o più strumenti digitali, il 36,2% ne ha ampliato le funzionalità e il 29,6% ha introdotto uno o più strumenti digitali, non presenti in azienda prima del lockdown".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In particolare, i social network sono utilizzati dal 65% degli intervistati e durante la sospensione delle attività hanno rappresentano uno strumento di primaria importanza per relazionarsi e fornire informazioni a clienti, fornitori e dipendenti: oltre la metà (51%) delle imprese presenti sui social hanno intensificato l'uso di questo strumento di comunicazione durante l’emergenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tabaccheria ancora baciata dalla fortuna, nuovo terno al Lotto: "Forse una data di nascita"

  • Coronavirus, ecco il nuovo dpcm punto per punto: ristoranti chiusi alle 18. Stop per palestre, cinema e teatri

  • Da Forlì parte la ribellione delle palestre: "Se imporranno la chiusura, non chiuderemo"

  • Coronavirus, due insegnanti e tre studenti infettati: classe dell'asilo in quarantena

  • Meldola in lutto per la scomparsa di Stefanino, il sindaco: "Una figura speciale per tutti"

  • Aeroporto, il Ridolfi torna sui radar di tutto il mondo: si parte con i voli commerciali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ForlìToday è in caricamento