Economia

Ristoratori romagnoli a Roma, il ministro: "Aperture vicine"

Anche Fipe Confcommercio Forlì, col presidente Andrea Zocca, ha partecipato martedì pomeriggio al Mise all'incontro tra i rappresentanti Fipe Confcommercio nazionale ristoratori e baristi e il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti.

Anche una delegazione di Fipe Confcommercio cesenate guidata dal president cesenate Angelo Malossi e di Fipe Confcommercio Forlì col presidente Andrea Zocca ha partecipato martedì pomeriggio al Mise all'incontro tra i rappresentanti Fipe Confcommercio nazionale ristoratori e baristi e il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti.

"Il ministro - afferma Malossi - ci ha  innanzitutto ringraziato per civiltà e la massima correttezza con cui abbiamo espresso la grave difficoltà economica dei pubblici esercizi a causa delle chiusure per la pandemia. Due le questioni principali sul tavolo: riaperture e sostegni. Sul primo punto il ministro, pur precisando che non è possibile indicare con certezza una data per le riaperture, Giorgetti ha però sottolineato che gli indicatori stanno migliorando  e che "presumibilmente maggio sarà un mese di riaperture" coerentemente con il segnale del governo che ha già scelto di riaprire le scuola". Il ministro ha precisato che "sebbene ci aspettassimo di più sul fronte del vaccini, il piano va avanti", e che "la decisione sulle riaperture sarà presa probabilmente la prossima settimana dal Consiglio dei ministri".


Altro capitolo fondamentale è quello dei sostegni. "Il ministro - mette in luce il presidente Malossi  - ha indicato due strade: gli indennizzi basati sul fatturato, com'è accaduto per l'ultimo decreto, oppure prendere in considerazione il bilancio che "senz'altro fornisce indicazioni più precise sulle perdite reali subite" ma che prevede tempi più lunghi. Il punto di mediazione potrebbe essere, su questo la Fipe si è impegnata a presentare una proposta articolata in tempi brevi, un sistema di due acconti e di un saldo finale che terrebbe conto degli indicatori contenuti nel bilancio evitando sperequazioni tra le diverse attività. Il ministro ha infine accolto anche il suggerimento affinché un rappresentante della categoria possa partecipare alle riunioni del Cts".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ristoratori romagnoli a Roma, il ministro: "Aperture vicine"

ForlìToday è in caricamento