Saldi, è iniziata la caccia all'affare: il vademecum per non prendere fregature

“I saldi - afferma il presidente regionale U.Di.Con, Vincenzo Paldino - devono sempre rappresentare un’opportunità sia per il venditore che per l’acquirente"

La corsa all’acquisto è iniziata. I commercianti sperano in una stagione ricca di vendite e i clienti si riversano nelle strade cittadine per approfittare di offerte e super sconti. Ma, come sempre, il periodo dei saldi può nascondere delle insidie ed è bene muoversi con attenzione per non incappare nelle classiche fregature. E proprio per aiutare i cittadini alla ricerca di capi e prodotti a prezzi accessibili, l’U.Di.Con di Forlì ha individuato sei regole  per affrontare al meglio lo shopping.

Ecco alcuni utili consigli:

Confrontare sempre il cartellino del prezzo vecchio con quello scontato e non esitate a chiedere se si hanno dubbi. Prestare particolare attenzione se la percentuale di sconto è particolarmente alta (maggiore 60%): la merce, infatti, potrebbe non essere autentica.

Chiedere sempre se è possibile fare il cambio della merce acquistata. Per la merce in saldo il cambio è a discrezione del venditore. 

Ogni capo di abbigliamento acquistato deve avere sempre la doppia etichetta: quella di composizione e quella di manutenzione.

I prezzi esposti vincolano il venditore, che non può alla cassa applicare tariffe diverse. 

Per evitare confusione la merce in saldo deve essere esposta separatamente rispetto a quella a prezzo pieno. 

Attenzione agli acquisti di merce in saldo online. Preferire sempre siti di e-commerce certificati e conosciuti. Altrettanto importante leggere anche le recensioni dei clienti. Affidandosi a siti non certificati diventa poi spesso impossibile procedere in un’eventuale azione giudiziaria: non di rado, infatti, questi portali hanno sede in paesi esteri. 

“I saldi - afferma il presidente regionale U.Di.Con, Vincenzo Paldino - devono sempre rappresentare un’opportunità sia per il venditore che per l’acquirente. Dobbiamo però tenere gli occhi aperti come consumatori. Per evitare problemi basta seguire le regole che abbiamo fornito come U.Di.Con. Ricordo sempre di privilegiare, anche per i saldi, i negozi delle nostre città. Facendo un acquisto nelle attività di prossimità, non solo facciamo bene all economia locale ma ravviviamo i centri storici”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali, l'Emilia Romagna elegge il nuovo presidente: la diretta dello spoglio, tutti i dati

  • Rapina con la pistola e strattona la farmacista terrorizzata, arrestato nel giro di due giorni

  • L'auto sfreccia ad alta velocità, scatta l'inseguimento sulla via Emilia: alla guida c'era uno spacciatore

  • Travolge una passante nei pressi del centro commerciale e non si ferma. Trovata grazie alle telecamere di ultima generazione

  • Elezioni, i programmi a confronto in 7 domande uguali per 7 candidati: queste le loro priorità e proposte

  • Travolta sulle strisce in viale Roma: trasportata d'urgenza al Bufalini

Torna su
ForlìToday è in caricamento