Saldi estivi, si comincia il 5 luglio: ma c'è già chi ha anticipato

Le associazioni dei consumatori, come ogni anno, consigliano massima cautela ed attenzione ai truffatori sempre in agguato

Scatterà il prossimo 5 luglio la corsa ai saldi estivi, anche se molti negozi hanno anticipato la corsa allo sconto con la "vendita promozionale".  Le associazioni dei consumatori, come ogni anno, consigliano massima cautela ed attenzione ai truffatori sempre in agguato. Si raccomanda di controllare il prezzo dei capi da acquistare prima dell’inizio degli sconti può essere utile per capire se veramente c’è stato un abbassamento del prezzo rispetto a quello iniziale. Insomma occhi aperti per risparmiare. Altrimenti i saldi potrebbero trasformarsi in un'autentica truffa.

COSA C'E' DA SAPERE - "I saldi possono essere parziali - evidenzia l'unione nazionale dei consumatori - ma la merce venduta a prezzi scontati va tenuta ben separata da quella venduta a prezzo pieno. Il cartellino di vendita deve sempre indicare il prezzo iniziale, la percentuale di sconto e il prezzo finale. Il difetto di un prodotto può essere segnalato entro due mesi dalla scoperta e ne deve rispondere il venditore. In caso di prodotto difettoso, seppur venduto a saldo, si può chiedere il cambio, la riparazione o la restituzione del denaro. Se cambio idea o magari ho sbagliato taglia nell’acquistare un capo, non è obbligatoria la sostituzione da parte del venditore. Al momento dell’acquisto conviene quindi chiedere se sarà possibile cambiare il capo (ed entro quanto tempo). Se il negoziante in genere accetta carte di credito per il pagamento, dovrà accettarle anche in periodo di saldi. Anche per i prodotti venduti in saldo si ha diritto ad una garanzia di due anni dal momento dell’acquisto. Lo scontrino è la nostra prova di acquisto e va sempre conservata. Poiché è fatto di carta chimica e potrebbe sbiadire, è utile farne una copia che rappresenterà la nostra prova di acquisto".

I CONSIGLI UTILI - L'unione nazionale dei consumatori consiglia di "non farsi prendere dalla frenesia dell’acquisto e dal volere comprare a tutti i costi. Preferire i saldi di articoli venduti in pochissimi numeri e taglie, che sono quelli più seri e, generalmente, i più convenienti, trattandosi di merce residua di cui il negoziante ha interesse a disfarsi (per esempio, pochi numeri dello stesso tipo di scarpe). Diffidare di chi apre un saldo dopo una vendita promozionale. Per i capi di abbigliamento accertarsi che la composizione eventualmente dichiarata nel cartellino d’accompagnamento corrisponda a quella dell’etichetta vera e propria del prodotto. Non comprare capi d’abbigliamento che non hanno l’etichetta di composizione e preferire quelli che hanno anche l’etichetta di manutenzione, ovvero le istruzioni per il lavaggio o pulitura, che è un riscontro affidabile di quella di composizione. Preferire i prodotti di marca nota, che nel settore dell’abbigliamento danno più affidamento, ma fare attenzione alla veridicità del marchio esposto, perché vi sono marchi che imitano nelle fattezze o in qualche elemento quelli più noti. Controllare sempre le taglie quando si tratta di un capo d’abbigliamento a due pezzi, se è venduto a prezzi stracciati e se non è ammessa la prova di indossabilità, poiché potrebbero essere due taglie diverse".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

Torna su
ForlìToday è in caricamento