Commercio

Saldi estivi, la fotografia di Confcommercio: "Nel forlivese risultati in linea per sei imprese su dieci"

E' la fotografia che emerge dal sondaggio sulle imprese associate a Federazione Moda Italia-Confcommercio Forli

"Dopo il leggero calo delle vendite (-2,5%) registrato a luglio, ad agosto l’andamento è migliorato, ma ancora leggermente negativo (-1,7%) rispetto all’anno scorso e in linea con le previsioni di un anno piuttosto difficile per gli incrementi dei costi e del denaro dovuti all’impennata dell’inflazione". E' la fotografia che emerge dal sondaggio sulle imprese associate a Federazione Moda Italia-Confcommercio Forli.

"In questo scenario i devastanti effetti dell’alluvione hanno certamente determinato lo spostamento dei consumi verso tipologie di prodotti di prima necessità- Le famiglie forlivesi coinvolte hanno inevitabilmente spostato parte degli acquisti su elettrodomestici, grandi e piccoli e verso tutti quei beni andati persi a causa degli allagamenti di maggio - viene aggiunto -. Nel contesto forlivese si evidenzia comunque che il 58% ha registrato un valore delle vendite dei saldi stabile (24%) o positivo (34%), a fronte di un 42% che ha registrato un calo".

"A chiusura della stagione c’è stato un aumento degli acquisti e degli affari per i consumatori, grazie anche alle numerose iniziative messe in campo a conclusione dei saldi in diversi attività del comprensorio forlivese - afferma Roberto Vignatelli, presidente Federazione Moda Italia-Confcommercio Forlì -. C’è stato anche un leggero ritorno di clienti e di turisti nei nostri negozi. La presenza di turisti stranieri nella vicina costa e nel nostro entroterra ha sicuramente aiutato, seppur marginalmente,  o shopping, confermando un interesse particolare alla moda proposta dai nostri negozi".

"Dopo le vacanze si ritorna alla vita quotidiana, con le famiglie impegnate con il lavoro e la scuola e il mondo delle imprese di moda con le fiere e la fashion week milanese investendo sulle rinnovate tendenze del mercato tra stile, ricerca, innovazione e sostenibilità - prosegue Vignatelli -. I commercianti sono pronti con grande entusiasmo ad allestire le nuove vetrine con colori, modelli e capi di qualità che contribuiscono alla vivacità e alla vitalità dei centro storico del nostro territorio, delle vie commerciali e dei quartieri della nostra città e di tutte le località del forlivese".

"Il momento impone delle riflessioni di filiera perché i rialzi di listino e il mantenimento dei budget dettati dall’industria della moda potrebbero non essere più economicamente sostenibili dai commercianti e dagli stessi consumatori, alle prese con i rincari generalizzati e gli effetti dell’inflazione - conclude Vignatelli -. Fino ad oggi, noi commercianti abbiamo contenuto gli aumenti dei listini cercando di non scaricare tutti i costi sui consumatori, ma sarà importante dedicare, da parte del Governo, tempo ed attenzione ai rapporti di filiera. Inoltre sono indispensabili misure adeguate per ridurre il costo delle locazioni commerciali e un'Iva agevolata sui prodotti in vendita nelle nostre attività, passando da una percentuale non più tollerabile del 22% ad una sensibilmente ridotta".
                                

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saldi estivi, la fotografia di Confcommercio: "Nel forlivese risultati in linea per sei imprese su dieci"
ForlìToday è in caricamento