menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bertinoro fa scuola: "La riserva storica dei Sangiovesi è un esempio da seguire"

Grignaffini definisce "radioso" il futuro vinicolo della Romagna, tanto più ora che dimostra dignità e sicurezza, conservando la storia del Sangiovese del territorio, da Imola a Rimini

Il riconoscimento viene da una delle firme più importanti del panorama giornalistico italiano del vino, Andrea Grignaffini: la Romagna quale esempio da seguire, prima in Italia a voler conservare la propria memoria enoica. A Bertinoro è nata infatti nel 2011 la Riserva Storica dei Sangiovesi di Romagna, dove annualmente si raccolgono le migliori bottiglie dei produttori del territorio da conservare a futura memoria. Un controeditoriale nella rivista che si trova ogni due mesi in tutte le edicole italiane, Spirito DiVino, elogia il progetto nato per volontà dei produttori del Consorzio Vini di Bertinoro e dell'Amministrazione Comunale, con la preziosa consulenza dell'esperto Giorgio Melandri, curatore della Riserva Storica.

Grignaffini definisce "radioso" il futuro vinicolo della Romagna, tanto più ora che dimostra dignità e sicurezza, conservando la storia del Sangiovese del territorio, da Imola a Rimini. Una raccolta di annate, di stili e di terroir che permetterà una lettura delle interpretazioni dei vini romagnoli anche negli anni a venire. Un'idea innovativa perché sopperisce alla mancanza di tanti archivi storici aziendali dei vini, magari per mancanza di spazio fisico in cantina o di lungimiranza di alcuni produttori, e con il vantaggio di riunire tutte le bottiglie nello stesso luogo, sotto la piazza panoramica di Bertinoro.

"La menzione geografica Bertinoro sulle etichette dei nostri Sangiovese più longevi e la Riserva Storica sono il frutto di un lungo lavoro che iniziò nell’ormai lontano 2005 - afferma Mauro Sirri, vice presidente del Consorzio Vini di Bertinoro, orgoglioso della citazione delle attività che si svolgono sul Colle -. Sento che stiamo costruendo qualche cosa di solido per il futuro della viticoltura romagnola, finalmente un progetto che guarda lontano."

Completa l'opera di archiviazione anche una carta delle annate del Sangiovese di Romagna, prima e unica severa valutazione delle diverse vendemmie locali dal 1990. La carta, in versione italiana e inglese, è consultabile sul sito del Consorzio Vini di Bertinoro (www.bertinorowines.it) e verrà presto arricchita con le classificazioni delle ultime annate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento