rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Economia

Tre giornate di sciopero alla Cclg: "80 famiglie in difficoltà per gli stipendi arretrati"

Mercoledì si è svolta la prima delle tre giornate di sciopero proclamate dall'assemblea dei lavoratori Cclg e dalle organizzazioni sindacali per avere delle risposte concrete rispetto al pagamento delle mensilità in arretrato

Mercoledì si è svolta la prima delle tre giornate di sciopero proclamate dall’assemblea dei lavoratori Cclg e dalle organizzazioni sindacali per avere delle risposte concrete rispetto al pagamento delle mensilità in arretrato. “La situazione di difficoltà che vivono i lavoratori dall’azienda Cclg Spa - scrivono i segretari forlivesi di Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uilm-Uil, Davide Drudi, Giovanni Cotugno e Massimiliano Conti  - rischia infatti di peggiorare ancora: gli stessi infatti hanno ricevuto ad oggi solo il 30% della retribuzione di agosto e devono ancora percepire il restante 70% di agosto e le retribuzioni di settembre, ottobre e novembre”.

“L’azienda,  di fronte alla richiesta dei lavoratori di pagamento di almeno una mensilità intera entro la fine dell’anno, ha dichiarato di non essere nelle condizioni di poter  rispondere  a questa esigenza. - continua la nota dei sindacati - Il rischio concreto è quello di ritrovarsi dopo la pausa natalizia con un arretrato intorno alle sei mensilità (andrebbero ad aggiungersi a quelle già maturate la retribuzione di dicembre e la tredicesima mensilità) con il configurarsi di una situazione di rischio per la sopravvivenza stessa dell’azienda. Nessuna risposta arriva invece rispetto al futuro industriale dell’azienda e alle prospettive occupazionali delle 80 famiglie che vi lavorano. Ricordiamo infatti come, durante l’ultimo incontro in Prefettura svoltosi il 24 novembre, l’azienda avesse chiesto qualche giorno di tempo per chiarire la situazione finanziaria, ma ad oggi non è arrivata nessuna risposta”.

“I lavoratori sono stanchi dei continui rinvii, dell’assenza di certezze circa il loro futuro e vogliono le retribuzioni per cui hanno lavorato. - dicono i segretari - Non è pensabile che si continui a finanziare l’attività dell’azienda con gli stipendi delle persone. Mercoledì mattina i lavoratori hanno deciso di presidiare i cancelli dell’azienda, e lo sciopero continuerà anche e giovedì e martedì prossimo, giorno in cui dovrebbe essere convocato presso la Prefettura di Forlì-Cesena un incontro. Chiediamo l’intervento attivo di tutte le istituzioni del territorio a tutela del lavoro e del futuro delle lavoratrici e dei lavoratori Cclg e affinchè monitorino da vicino la situazione e si impegnino per trovare una soluzione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre giornate di sciopero alla Cclg: "80 famiglie in difficoltà per gli stipendi arretrati"

ForlìToday è in caricamento