menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Conad-Auchan, ancora una fumata nera: previsto in un presidio davanti al Prefettura

L’incontro al Mise tra la Conad, nuova proprietaria dei punti vendita italiani di Auchan, e i sindacati si è concluso senza la fumata bianca

Nulla di fatto. L’incontro al Mise tra la Conad, nuova proprietaria dei punti vendita italiani di Auchan, e i sindacati si è concluso senza la fumata bianca. Cgil, Cisl e Uil hanno confermato quindi il pacchetto di 16 ore di sciopero di cui 8 da gestire a livello locale e altrettante indette a livello nazionale. Per questo lunedì i lavoratori sono chiamati a incrociare le braccia.Il confronto tra Fisascat Cisl, Filcams Cgil e Uiltucs con i rappresentanti di Margherita Distribuzione, la nuova denominazione sotto la quale sono riuniti gli esercizi che prima facevano capo alla multinazionale francese, davanti alla sottosegretaria Alessandra Todde e al vice capo di Gabinetto Giorgio Sorial, non ha portato nessuna novità.

A Forlì è previsto un presidio davanti alla Prefettura dalle 10 alle 13. Sono previste, spiegano i sindacati, "8 ore di sciopero (da intendersi come un’intera giornata lavorativa di astensione dal lavoro) da realizzare a livello locale nella/e giornata/e, nei termini ed alle condizioni che le strutture territoriali di Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs individueranno in apposita proclamazione da diramare in maniera capillare presso le lavoratrici ed i lavoratori interessati; ulteriori 8 ore di sciopero (da intendersi come un’intera giornata lavorativa di astensione dal lavoro) da tenersi lunedì per tutto il territorio nazionale e nel corso delle quali, al precipuo fine di sottolinearne il carattere unificante per la generalità delle lavoratrici e dei lavoratori dipendenti da Margherita Distribuzione SpA, saranno previsti".

Nell'informativa nazionale viene evidenziata la presenza di "presidi da tenersi presso i più importanti punti vendita Conad nelle modalità ed alle condizioni che
saranno indicate nelle apposite comunicazioni di proclamazione da predisporre e diramare unitariamente a cura dalle strutture territoriali di Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs (che preliminarmente provvederanno al disimpegno delle procedure burocratiche finalizzate al rilascio le previste autorizzazioni dall’Autorità di PS competente per la regolare effettuazione del presidio).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento