"Vogliamo il rinnovo del contratto di lavoro": secondo sciopero in poche settimane

"Lobiettivo è trovare un accordo tra sindacati, azienda e Confindustria sul rinnovo del contratto, non più rinnovato da anni", afferma Stavale

Sciopero di circa quattro ore lunedì mattina alla filiale di Forlì della Dometic Italia, multinazionale svedese che a Forlì produce componentistica per camper. "Hanno incrociato le braccia gli operai di Ugl e Cgil per il rinnovo del contratto interno", spiega il segretario provinciale di Ugl Metalmeccanici, Francesco Stavale, informando che si tratta del secondo sciopero in poche settimane. "Lobiettivo è trovare un accordo tra sindacati, azienda e Confindustria sul rinnovo del contratto, non più rinnovato da anni", prosegue Stavale.

"Dopo le iniziali promesse da parte aziendale - afferma il segretario provinciale di Ugl metalmeccanici -  e in mancanza di una definizione pratica delle richieste avanzate ai tavoli di confronto, non ci è restato altro da fare che percorrere la strada dello sciopero  per cercare di sensibilizzare ulteriormente la proprietà a facilitare l'atteso accordo per il rinnovo contrattuale interno. I lavoratori chiedono che le promesse per l'approdo ad un celere accordo vengano mantenute e  come sindacato abbiamo fatto la nostra parte". 

Sulla questione interviene anche Fabio Torelli della Fiom Cgil: "I lavoratori rivendicano un aumento dei salari e dunque del potere d’acquisto dei lavoratori stessi, notevolmente calato in questi anni di crisi. L’azienda, dopo mesi di incontri e discussioni, ha completamente rigettato la proposta di un accordo integrativo di secondo livello, sulla base di quello firmato negli anni precedenti la crisi, avanzata dalle organizzazioni sindacali e dalla Rsu Dometic. Il tutto nonostante gli utili conseguiti dall’azienda in quest’anno di forte produzione e nonostante i grandi sacrifici chiesti ai lavoratori durante gli ultimi anni per non rischiare di vedere delocalizzata altrove l’attività produttiva. Come Fiom-Cgil e Rsu siamo pronti a continuare la mobilitazione se Dometic non accetterà di riaprire la trattativa e di mettere in campo azioni concrete e tangibili".
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La triste fine di una grande azienda del forlivese: dichiarato il fallimento dopo oltre 50 anni

  • Un bagliore visibile a chilometri di distanza: incendio in un'azienda

  • Storica gioielleria chiude dopo 73 anni, tre generazioni si sono susseguite dietro al banco

  • Sfilata in intimo contro i pregiudizi: in Piazza Duomo a Milano anche la forlivese Giulia Gambini

  • Festa di compleanno al ristorante con rissa finale e tavoli ribaltati tra due invitati

  • Terzo lotto della Tangenziale, partita la procedura per i 70 espropri di pubblica utilità

Torna su
ForlìToday è in caricamento