menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Basta morti sul lavoro": i metalmeccanici incrociano le braccia

Lo sciopero è stato proclamato da Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uil Uilm e verrà osservato nell'ultima ora di lavoro per ogni turno e giornaliero

I metalmeccanici incrociano le braccia per rivendicare il diritto alla sicurezza. Lo sciopero è stato proclamato da Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uil Uilm e verrà osservato nell'ultima ora di lavoro per ogni turno e giornaliero. "La tragedia di Piacenza in una azienda di logistica, la morte di un lavoratore all'Ilva di Taranto e quella di un lavoratore dell'Atac, azienda dei trasporti romana - esordiscono i sindacati - non sono mai la conseguenza della fatalità ma sempre della mancanza. Dall’inizio dell'anno 500 lavoratori sono morti mentre lavoravano. È un dato inaccettabile, che rappresenta una situazione di mancato rispetto delle imprese per le procedure e le regole di sicurezza e in generale della inadeguatezza dei sistemi di prevenzione tali da assicurare effettive garanzie per i lavoratori".

"Questa realtà è la conseguenza di un clima e di comportamenti che valutano la vita e il lavoro e le condizioni in cui si svolge come variabili dipendenti  dagli interessi dell'impresa e del profitto - proseguono i sindacati -. I subappalti e la precarietà lavorativa peggiorano le condizioni di lavoro e aumentano le pressioni sui singoli lavoratori. Per i lavoratori metalmeccanici un contratto nazionale che affronti queste tematiche, vuole dire porre argine a questa situazione perché si rendono più forti i lavoratori nella difesa dei propri diritti e dl una condivisa e diffusa cultura della sicurezza".

"Fim, Fiom, Uilm "riconfermano li loro impegno per garantire un lavoro sicuro e con diritti e dichiarano la loro contrarietà a qualsiasi intervento che peggiori le norme sulla sicurezza". Per l'insieme di queste ragioni i sindacati nazionali hanno proclamato per mercoledì un'ora dl sciopero, invitando le Rsu a realizzare assemblee in tutti i luoghi di lavoro. "Il diritto alla vita di un lavoratore è un bene assoluto che nessuno può cancellare", evidenziano i sindacati.

Da Fim-Cisl, Fiom-Cgil e Uil Uilm l'invito "a tutti i lavoratori di aderire in maniera massiccia per dimostrare che non slamo più disponibili a tollerare quella che possiamo  definire una vera e propria "guerra" silenziosa, dove si lasciano sole le famiglie alla  propria  disperazione, salvo  i casi  più eclatanti, per i quali si muove un indignazione istituzionale che dura fino ai funerali per poi lasciare che tutto torni come prima. E' il momento di dire basta".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento