rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Economia

"Senza tredicesima, mascherine e guanti": le addette alle pulizie delle Poste scioperano l'ultimo dell'anno

I sindacati chiedono l'intervento di Poste Italiane, evidenziando una situazione "inaccettabile"

Le dipendenti della ditta che si occupa delle pulizie degli uffici postali di Forlì-Cesena e Rimini in sciopero venerdì, ultimo dell'anno. "Pur avendo aperto lo stato di agitazione da ormai un mese, segnalando le problematiche anche a Poste Italiane, non c’è ad oggi, il pagamento della tredicesima mensilità - comunicano Filcams Cgil, Fisasact Cisl e Uiltucs Uil -. Inoltre non sono migliorate le condizioni di lavoro, persistendo problemi di sicurezza per mancanza di dispositivi di protezione individuale (guanti e mascherine) che le lavoratrici si procurano quotidianamente a loro spese, venendo a mancare quindi il rispetto dei protocolli di salute e sicurezza. Inoltre nessuna informazione viene data circa la durata dell'appalto, scaduto il 31 ottobre, come previsto dal bando di aggiudicazione, ad oggi prorogato di fatto seppur in mancanza di comunicazione ufficiale".

I sindacati chiedono l'intervento di Poste Italiane, evidenziando una situazione "inaccettabile. Si continua nel silenzio generale a calpestare i diritti e la dignità delle lavoratrici e lavoratori e per questo ci attiveremmo anche tramite le istituzioni territoriali per avviare subito un confronto urgente con la ditta e con Poste Italiane. Ormai da troppi anni riscontriamo gravi criticità nella gestione di questo appalto, è tempo che Poste Italiane si assuma le proprie responsabilità per garantire la piena tutela dei diritti delle lavoratrici in appalto, a partire da un confronto con le organizzazioni sindacali che le rappresentano".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Senza tredicesima, mascherine e guanti": le addette alle pulizie delle Poste scioperano l'ultimo dell'anno

ForlìToday è in caricamento