menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Sicurezza partecipata”: contributi alle imprese dalla Camera di Commercio

Un nuovo intervento finanziario è stato approvato dalla Giunta camerale a favore della sicurezza nelle locali attività imprenditoriali

Un nuovo intervento finanziario è stato approvato dalla Giunta camerale a favore della sicurezza nelle locali attività imprenditoriali. Si tratta di agevolazioni economiche per spese sostenute per l’acquisto, installazione o adeguamento di sistemi di videoallarme antirapina, configurati secondo requisiti tecnici previsti da un protocollo d’intesa, siglato a livello nazionale il 14/7/2009 e recepito sul piano provinciale in data 16/3/2012, con un accordo di collaborazione tra la Prefettura di Forlì-Cesena e le quattro Associazioni del Commercio.

Tale strumento favorisce la crescita della “cultura della sicurezza” nella nostra realtà provinciale, in un proficuo rapporto fra istituzioni che intendono salvaguardare al massimo la sicurezza collettiva. La finalità, infatti, è dotare le imprese, in particolare quelle commerciali e artigianali con attività di vendita e i pubblici esercizi, di sistemi di allarme antirapina in grado di interagire direttamente con le apparecchiature già esistenti presso le sale e le centrali operative della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri dislocate nel territorio, finalizzati all’immediata segnalazione dei fatti criminosi.

Nell’accordo provinciale, fortemente auspicato dalla Prefettura e voluto dalle associazioni del commercio, è stato individuato da queste ultime il fornitore in possesso dei necessari requisiti di sicurezza che installerà, in comodato gratuito presso le sei centrali operative delle forze dell’ordine in provincia (Questura Forlì-Cesena, Commissariato P.S. di Cesena, Compagnie Carabinieri di Forlì, Cesena, Meldola e Cesenatico), le linee telefoniche e i video server necessari per il funzionamento del sistema che dovrà dialogare con gli impianti installati dai singoli esercizi.

A questo punto interviene la Camera di Commercio che, come previsto dal Disciplinare approvato nella riunione di Giunta del 12 giugno scorso, contribuisce nella misura massima del 50% delle spese documentate e fino a un importo di euro 2.000 per ciascuna impresa. La somma stanziata dall’Ente per l’iniziativa è pari a 25.000 euro. Le domande da parte delle imprese dovranno pervenire alla Camera di Commercio di Forlì-Cesena, termine per la presentazione: 31 dicembre.

“ Con questa nuova iniziativa - commenta il Presidente della Camera di Commercio, Alberto Zambianchi – il nostro Ente intende contribuire a dare concretezza al concetto di “Legalità”, rafforzando i presidi utili alla sicurezza, e tutto ciò, non solo riguardo alle singole imprese, ma anche al territorio nel suo complesso. In particolare, l’avere dislocato tali sistemi in vari punti della città, favorisce la tutela dell’intera comunità civile nonché quella del centro urbano stesso”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento