"Smart Rettifiche", presidio della Fiom per chiedere il ritiro dei licenziamenti

Mercoledì si è svolto lo sciopero di 8 ore con presidio dei lavoratori davanti all’azienda. La Fiom-Cgil e i lavoratori sono a richiedere il ritiro immediato dei licenziamenti

Presidio della Fiom Cgil davanti all'azienda "Smart Rettifiche" di Forlì’ (che dal 1949 si occupa di rettifiche motori nel territorio forlvese), che ha annunciato ai propri dipendenti circa un mese fa la decisione di chiudere l’attività a seguito di problemi societari e legati alla crisi che ha colpito duramente il nostro territorio. Il sindaco, assieme ai sei dipendenti della ditta, ha subito richiesto un confronto con la proprietà e con la Confartigianato, a cui l’azienda è associata.

Si voleva infatti, spiega Fiom-Cgil, "verificare in primis se vi fossero le condizioni per mantenere aperta l’attività e, assodata la mancanza di volontà della proprietà verso questa ipotesi, per richiedere, secondo quanto previsto dal “Patto per attraversare la crisi”, la doverosa apertura degli ammortizzatori sociali che fornissero ai dipendenti, diversi dei quali da decenni in azienda, una tutela indispensabile per non ritrovarsi immediatamente senza un lavoro e senza una continuità di reddito".

"L’azienda, dopo una lunga e complicata trattativa, sembrava nel corso della scorsa settimana aver approvato la richiesta di apertura della Cassa  Integrazione, ma sabato scorso arriva il passo indietro e il rifiuto all’utilizzo gli ammortizzatori - illustra la Fiom-Cgil -. L’assemblea dei lavoratori riunitasi lo stesso giorno ha proclamato allora 4 ore di sciopero per la giornata di lunedì 25 febbraio e 8 ore per la giornata di mercoledì, al fine di riattivare il confronto per trovare una soluzione condivisa".

"Nella giornata di lunedì sono invece partite le lettere di licenziamento con decorrenza al 30 marzo per tutti i dipendenti, con un atteggiamento assolutamente scorretto, gravissimo dal punto di vista sociale e del tutto irrispettoso di quei lavoratori che per oltre vent’anni hanno portato avanti l’azienda. La Smart Rettifiche si pone in questo modo al di fuori delle regole democratiche e del vivere civile", aggiunge il sindaco.

Mercoledì si è svolto lo sciopero di 8 ore con presidio dei lavoratori davanti all’azienda. La Fiom-Cgil e i lavoratori sono a richiedere il ritiro immediato dei licenziamenti, "comminati senza utilizzo alcuno degli ammortizzatori sociali - evidenziano dal sindacato -. Chiediamo inoltre l’intervento delle istituzioni locali, al fine di favorire la risoluzione della vertenza e riportare la stessa all’interno del perimetro di regole democratiche che il nostro territorio esprime".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Punta un euro su un gratta e vinci e non crede ai propri occhi: il "Sette e mezzo" è fortunato

  • Nel weekend tornano freddo e neve, ecco dove sono attesi i fiocchi. Ma l'inverno non decollerà

  • E' confermato il ritorno della neve, ecco dove sono attesi i fiocchi bianchi: allerta "gialla"

  • Donna in carrozzina investita sulle strisce pedonali mentre attraversa vicino al supermercato

  • Cinquantenne malata di un grave tumore salvata dai primari di Forlì e Rimini

  • Tenta il suicidio lanciandosi contro le auto in transito: salvato dalla Polizia

Torna su
ForlìToday è in caricamento