menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stilisti "ecosostenibili", la pandemia non fa paura: aprono un altro negozio

Un negozio di abbigliamento da uomo che si caratterizza per sostenere l’economia circolare, il riciclo, valorizzando la creatività

Nonostante sia stato un anno particolarmente difficile il negozio aperto a ottobre 2019 in corso Mazzini 34 a Forlì è cresciuto in maniera costante continuando ad andare alla grande, talmente alla grande che sabato ne aprirà uno anche a Cesena, sempre in corso Mazzini 23, al posto di Geox. Stiamo parlando di Dust, negozio di abbigliamento da uomo che si caratterizza per sostenere l’economia circolare, il riciclo, valorizzando la creatività. Di che si tratta? I titolari di Dust, Nicola Boccia e Riccardo Minoccheri, due imprenditori e stilisti forlivesi entrambi di 28 anni, titolari anche del marchio The Silted Company che dal 2013 vende in Giappone, Corea, Cina e Stati Uniti, acquistano pezzi di stoffa  in eccedenza o rimanenti da aziende che lavorano materiali di altissima qualità, li fanno lavorare da aziende di sartoria locali sulla base dei loro modelli e poi li rivendono a prezzi abbordabili. Si tratta di pochi pezzi o addirittura pezzi unici, ma con una fattura molto originale e particolare. “Sappiamo che ci vuole coraggio ad aprire un altro negozio in questo periodo – spiega Riccardo – ma abbiamo trovato il coraggio grazie ai numerosi feedback positivi ricevuti in questi mesi dai nostri clienti che, nonostante il momento, ci hanno scelto premiando il nostro modo di lavorare. Tra l’altro abbiamo pensato a Cesena perché le due città, seppur vicine, sono realtà molto diverse, il cesenate viene raramente a Forlì a comprare in un negozio, mentre il forlivese viene volentieri a fare una passeggiata nel centro di Cesena. Cesena, da sempre, è un buon mercato. Così abbiamo pensato di portare i nostri valori e la nostra creatività anche qui”.

Dust (forgotten Fabrics) nasce con lo scopo di ricreare, migliorare e riciclare ciò che già esiste, re-immaginando materiali di qualità rimanenti e in eccedenza, dandogli una vita rinnovata attraverso tecniche e lavorazioni artigianali Made in Italy. “La nostra missione – continua Riccardo - è di sostenere e incrementare il movimento della riduzione degli eccessi nell’industria dell’abbigliamento collegando creatività e sostenibilità. L’obiettivo è produrre cose belle lasciandosi alle spalle un pianeta senza sprechi”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento