Economia

Techne, nell'anno del covid un traguardo senza precedenti: bilancio in attivo e oltre 3 milioni di fatturato

L’ente di formazione di proprietà del Comune di Forlì (attraverso Livia Tellus Romagna Holding Spa) e del Comune di Cesena, ha voluto quest’anno offrire alle numerose istituzioni presenti, alle imprese, agli operatori e alle famiglie un’occasione di incontro e di socialità

Una grande e partecipata festa è l’evento che Techne ha realizzato giovedì nella sua sede di Forlì in Via M. Buonarroti 1 immersa nella caratteristica cornice architettonica razionalista e nel verde del grande cortile interno. L’ente di formazione di proprietà del Comune di Forlì (attraverso Livia Tellus Romagna Holding Spa) e del Comune di Cesena, ha voluto quest’anno offrire alle numerose istituzioni presenti, alle imprese, agli operatori e alle famiglie un’occasione di incontro e di socialità con un aperi-cena ricco di convivialità, dopo un altro inverno complicato per tutti che non ha risparmiato neppure il sistema della formazione professionale.

"Un anno difficile - sottolinea il presidente di Techne, Sergio Lorenzi - con rallentamenti delle attività dovuti alla pandemia che però non hanno impedito di raggiungere traguardi senza precedenti come il superamento dei 3 milioni di euro di fatturato e la chiusura del bilancio in attivo. Con orgoglio quindi resto alla presidenza di questo ente capace di resilienza e innovazione e ringrazio sentitamente i sindaci dei Comuni soci per avere riconfermato la fiducia a me e Patrizia Barducci rinnovando il mandato per ulteriori 3 anni". La festa è stata anche l’occasione per dare il benvenuto a Monica Donini, consigliera neo-eletta nel Consiglio di amministrazione, che sostituirà Franco Spazzoli il quale ha già svolto i 2 mandati previsti da statuto. 

Padroni di casa il presidente di Techne Sergio Lorenzi ed il direttore generale Lia Benvenuti. Tra gli intervenuti il sindaco di Forlì Gian Luca Zattini, Paola Casara, assessore Scuola e formazione del Comune di Forlì, Rosaria Tassinari assessore al welfare del Comune di Forlì, Carmelina Labruzzo, assessore ai Servizi Sociali del Comune di Cesena, il sindaco di Forlimpopoli, Milena Garavini, i parlamentari Marco di Maio e Jacopo Morrone e tanti direttori di enti di formazione, rappresentanti del mondo della scuola e dell’università, nonché imprenditori e dirigenti delle istituzioni e delle altre partecipate pubbliche.

L’evento è stato anche l’occasione per presentare l’undicesimo bilancio sociale di Techne, quest’anno dedicato a Nello Coppi, direttore dell’ente fino al 2007, scomparso improvvisamente nell’agosto dello scorso anno, che ha gestito l’ente con grande competenza, lungimiranza e spirito di innovazione. A Coppi è stata intitolata l’Aula Magna dell’ente.  Una partecipata in attivo, con un valore della produzione superiore ai 3.000.000 di euro ed un utile di esercizio di oltre 11.000 euro, con una 50ina tra dipendenti e collaboratori stabili, la cui mission prevede oltre il 60% delle attività dedicate a persone svantaggiate e giovani. Più di 1500 allievi formati in un anno e collaborazioni con oltre 400 aziende del territorio provinciale per offrire a giovani, adulti e persone svantaggiate l’opportunità di misurarsi nel mercato del lavoro e promuovere un concreto inserimento professionale. Attraverso i numerosi stage e tirocini che ogni anno vengono realizzati, infatti, l’ente di formazione permette alle persone di acquisire competenze e spendersi direttamente in un contesto aziendale, fino ad arrivare spesso al traguardo dell’assunzione.

“Quest’anno - sottolinea Lia Benvenuti direttore generale di Techne - abbiamo voluto inserire nel bilancio sociale un inserto che mettesse in primo piano questa grande squadra che mi rende tanto orgogliosa. Se in un anno così difficile siamo riusciti a raggiungere risultati così rilevanti è unicamente grazie alle capacità e all’impegno delle persone che lavorano a Techne e da qui la volontà di valorizzare ognuno di loro". Così nasce uno spazio, nel bilancio sociale, dedicato a ciascun collaboratore ed il motto della festa “una squadra di successo batte con un solo cuore” scritto anche sui tantissimi palloni che hanno invaso il giardino e rallegrato l’atmosfera. "L’ente rappresenta un importante strumento per il Comune di Forlì  – sottolinea Zattini - in grado di offrire un reale contributo sui grandi temi di giovani e lavoro, rappresentando anche un supporto concreto per le fasce più svantaggiate. Una realtà che funziona e che il Comune intende sostenere perché rappresenta un esempio ed una risorsa per l’intero territorio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Techne, nell'anno del covid un traguardo senza precedenti: bilancio in attivo e oltre 3 milioni di fatturato

ForlìToday è in caricamento