Economia

Trasporto merci, il 33% dei transiti al casello A14 sono mezzi pesanti. Ma prosegue la riduzione di mezzi e occupati

I trasporti di merci su strada, hanno visto negli ultimi anni una forte perdita della base imprenditoriale locale, ma continuano a essere un importante comparto di cerniera nell'economia, anche del nostro territorio

I trasporti di merci su strada, hanno visto negli ultimi anni una forte perdita della base imprenditoriale locale, ma continuano a essere un importante comparto di cerniera nell'economia, anche del nostro territorio. La "Logistica" e anche i "Trasporti di merci su strada", inoltre, nel nuovo scenario stanno registrando un forte crescita, a differenza di quanto previsto fino a pochi anni fa. Questa espansione, però, oggi si scontra con la difficoltà nel reperire figure professionali idonee a soddisfare la domanda crescente di movimentazione delle merci. A livello nazionale alcune associazioni che raggruppano le imprese del comparto stanno proponendo modifiche al Decreto flussi in modo da destinare all'assunzione una quota di autisti non italiani. Con l’analisi dei dati 2020 inerenti la struttura e l’andamento del settore Trasporti, prosegue l’attività di analisi economica dell’Osservatorio della Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini, dopo la pubblicazione del “Rapporto sull’Economia 2020 e scenari” dello scorso marzo.

In provincia di Forlì-Cesena, al 31/12/2020, si contano 1.264 imprese dei trasporti attive, pari al 3,5% del totale (3,3% in Emilia-Romagna e 2,9% in Italia), in diminuzione del 12,9% rispetto al 31/12/2015 (-8,5% in regione e -3,2% a livello nazionale); tale settore è caratterizzato da una variazione negativa maggiore rispetto al totale delle imprese (-4,0%) e da una riduzione della relativa incidenza (dal 3,8% del 2015 al 3,5% del 2020). In calo del 14,0% le imprese dedite al “trasporto merci su strada” (ben il 77,5% delle imprese dei trasporti); la principale causa è il problema, persistente, della forte concorrenza dei vettori stranieri che operano con condizioni competitive più favorevoli. Gli addetti dei trasporti rappresentano il 3,0% del totale degli addetti, nonché il 5,3% degli addetti regionali del settore; il trasferimento in provincia di Rimini della sede dell’azienda di trasporto pubblico locale ne ha determinato la diminuzione rilevante: la dimensione media delle imprese è passata da 3,8 del 2019 a 12,9 addetti per impresa nel 2020.

Forte aumento rispetto al 2015 delle ore di Cassa Integrazione Guadagni autorizzate, che sono quasi triplicate, come conseguenza dell’emergenza sanitaria che ha colpito il 2020: l’incidenza del settore trasporti sul totale risulta tuttavia inferiore (2,4%) rispetto il periodo preso a riferimento (era il 3,0%). In ultimo, facendo riferimento ai dati 2020 dei transiti giornalieri medi (TGM) di veicoli pesanti, nel casello di Forlì è transitato il 33,8% di tali mezzi, in quello di Cesena il 10,7%, su quello di Cesena Nord il 40,8% e su quello di Valle del Rubicone il 14,6%; ovviamente gran parte del traffico di veicoli pesanti nel casello di Cesena Nord è determinato dal collegamento con la superstrada E45 e dai raccordi con la città di Ravenna (in particolare con la sua struttura portuale), con la statale Romea e con il centro dell’autotrasporto di Pievesestina situato nelle vicinanze. Il traffico di veicoli pesanti nell'anno 2020 ha registrato rispetto il 2019 una diminuzione dell’8,7%; tale variazione ha interessato in modo rilevante quasi tutti i singoli caselli della provincia tranne quello di Cesena Nord (-2,4%) che ne ha risentito in maniera minore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporto merci, il 33% dei transiti al casello A14 sono mezzi pesanti. Ma prosegue la riduzione di mezzi e occupati

ForlìToday è in caricamento