rotate-mobile
Turismo / Santa Sofia

Turismo in Appennino, Confcommercio: "Servono provvedimenti urgenti per fronteggiare la crisi"

"I nostri associati – afferma Alberto Zattini, direttore di Ascom - Confcommercio Forlì - registrano una flessione dell'affluenza nel nostro territorio montano e si trovano quindi ad affrontare una nuova crisi"

Il ritardo di oltre un mese e mezzo legato alla mancanza di neve ha messo in crisi l'economia della montagna. L'assenza di precipitazioni per tutto il mese di dicembre e buona parte di gennaio, ha condizionato il turismo locale. "I nostri associati – afferma Alberto Zattini, direttore di Ascom - Confcommercio Forlì - registrano una flessione dell'affluenza nel nostro territorio montano e si trovano quindi ad affrontare una nuova crisi. Per questa ragione servono provvedimenti urgenti per sostenere tutto il comparto in sofferenza ovvero operatori turistici, commercio e pubblici esercizi dell’Appennino. In queste ore ha ricominciato a nevicare e speriamo che la stagione invernale non abbia più battute d'arresto, ma i mancati incassi pesano sulle tasche degli imprenditori già gravati dai rincari generalizzati”.

Unico settore in controtendenza che non sembra soffrire è quello della ristorazione che tiene. "Dai monitoraggi sui negozi associati - spiega Zattini -, emerge che il settore della ristorazione non ha risentito della mancanza della neve. Nonostante la mancanza di precipitazioni, dunque, sono tante le persone che scelgono i ristoranti montani come meta per assaporare piatti tradizionali con ingredienti di qualità”. Un'eccezione in una situazione generale che preoccupa e per la quale il direttore di Ascom-Confcommercio Forlì chiede un intervento urgente alle Istituzioni di ogni livello: "Bisogna agire subito - sottolinea - per salvaguardare le economie locali attraverso iniezioni di liquidità ma anche moratorie sui mutui e semplificazioni amministrative. Di pari passo, bisogna pensare ad investire in questi territori, con nuovi impianti e opere strutturali, in maniera lungimirante. I cambiamenti climatici, infatti, impongono di pensare agli investimenti con un'ottica rivolta al futuro ad un nuovo modello di turismo legato alle attività sulla neve".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo in Appennino, Confcommercio: "Servono provvedimenti urgenti per fronteggiare la crisi"

ForlìToday è in caricamento