menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuova organizzazione per la Cisl: Vanis Treossi responsabile del distretto forlivese

E' quanto afferma il segretario della Cisl Romagna, Filippo Pieri

“Se dovessimo usare una parola, potremmo dire che stiamo cercando di essere un sindacato glocale. Ovvero un sindacato che vuole rafforzare il ruolo del sindacato europeo nel confronto con le istituzioni di Bruxelles e nella contrattazione con le multinazionali; nello stesso tempo un sindacato che sia più vicino ai luoghi dove avviene la tutela dei lavoratori e alle comunità dove si discute di programmazione socio-sanitario con le istituzioni locali". E' quanto afferma il segretario della Cisl Romagna, Filippo Pieri.

"Per fare questo abbiamo costituito otto distretti andando oltre all’accorpamento delle tre strutture provinciali Cisl di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini avvenuto nel 2013 - continua Pieri - perché l’unificazione ci ha consentito di praticare delle economie di scala sulle spese dei dirigenti ed ora investiamo sugli operatori presenti nel territorio, sui nuovi servizi e su sedi più funzionali e accoglienti per i nostri iscritti e l’utenza in genere.”

NUOVA ORGANIZZAZIONE SU OTTO DISTRETTI

Cisl Romagna, dopo i primi cinque anni di assestamento fisiologico della fusione, ha attuato la seconda fase che prevede la creazione di otto presidi locali, chiamati Unioni Sindacali Distrettuali (USD), che corrispondono esattamente agli otto distretti socio?sanitari della Romagna ed alle otto Unioni Comunali.  “In ognuna delle Usd Cisl Romagna è stato individuato un responsabile – prosegue il segretario cislino – che ha il compito di sviluppare e promuovere le politiche di concertazione sociale e socio-sanitarie, di organizzare e sviluppare i servizi per gli iscritti e gli utenti, di intrattenere i rapporti con i soggetti istituzionali, sociali ed economici del territorio". Il responsabile del distretto Forlì è Vanis Treossi.

“Spesso il sindacato è additato di non essere al passo coi tempi – dichiara Pieri - ma in questo caso occorre riconoscere che la Cisl ha individuato una strada e la sta percorrendo tenendo fede a uno dei suoi principi associativi che è la sussidiarietà”. Infatti la contrattazione aziendale e quella sociale, ovvero le istanze che i sindacati avanzano nei confronti delle imprese e degli Enti Locali, è una delle attività che più impegna la Cisl. Questa nuova organizzazione migliorerà la sua vicinanza ai problemi del territorio e agli interlocutori con l’obiettivo di individuare e trovare insieme agli altri interlocutori le risposte adeguate per la comunità.

I 73 COMUNI DELLA ROMAGNA

Ogni Usd avrà quindi competenza sui comuni che formano quel distretto e che in totale sono ben 73. L'Usd Forlì comprende Bertinoro, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Civitella di Romagna, Dovadola, Forlimpopoli, Forlì, Galeata, Meldola, Modigliana, Portico e San Benedetto, Predappio, Premilcuore, Rocca San Casciano, Santa Sofia e Tredozio. “Il rapporto con i nostri 82.000 ed oltre iscritti – spiega Pieri - rimane affidato alle relative federazioni di categoria con i nostri delegati che sono attivi nei posti di lavoro e nelle nostre 48 sedi sparse in tutta la Romagna". "Ci auguriamo – conclude il segretario generale della Cisl Romagna – che la nostra esperienza possa essere di stimolo anche alla politica perché nella società del terzo millennio avremo sempre più bisogno di Europa, ma allo stesso tempo aumenterà la necessità di sentirsi parte della comunità in cui si vive: nel proprio quartiere, nella propria città e nel proprio territorio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento