rotate-mobile
Imprese

Fatturato da oltre 30 milioni e 65 dipendenti, il sindaco visita l'azienda che produce carta e gel: "Punto fermo dell'economia forlivese"

Così il sindaco Zattini: "L’azienda ha saputo cogliere le opportunità del mercato sanitario ampliando il proprio segmento produttivo. In città come all’estero sono garanzia di sviluppo e occupazione"

Due stabilimenti produttivi di oltre 13mila metri quadrati, 65 dipendenti e un fatturato di oltre 30 milioni di euro. Fondata oltre 60 anni fa Ceracarta è specializzata nella produzione e vendita di carte speciali per apparecchi di registrazione dati destinate a molteplici settori, nonché di biglietti per trasporti, di etichette e prodotti per l’identificazione, la tracciabilità e la sicurezza. Il sindaco Gian Luca Zattini ha incontrato i vertici dell'azienda: "La famiglia Bandini è un punto fermo del panorama imprenditoriale forlivese. Sinonimo di serietà e lungimiranza, l’azienda ha saputo cogliere le opportunità del mercato sanitario ampliando il proprio segmento produttivo. In città come all’estero sono garanzia di sviluppo e occupazione".

Leggi le notizie di ForlìToday su WhatsApp

Nel corso degli anni la tradizione ha lasciato spazio all’innovazione affiancando alle storiche produzioni per il settore sanitario di carte per Elettrocardiogramma, Eeg, Ctg, le produzioni di gel ecografici per i sistemi laser e ad ultrasuoni, gel sterili e non, elettrodi per Ecg, carte ecografiche Sony e Mitsubishi di cui è il principale distributore in Europa, etichette speciali per laboratori e centri trasfusionali  fino ad arrivare alle produzioni più recenti di etichette con tecnologia Rfid (Radio Frequency Identification) per garantire la tracciabilità dei prodotti e migliorare l’efficienza della gestione dei processi.

La visita del sindaco alla Ceracarta-3La visita del sindaco alla Ceracarta-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fatturato da oltre 30 milioni e 65 dipendenti, il sindaco visita l'azienda che produce carta e gel: "Punto fermo dell'economia forlivese"

ForlìToday è in caricamento