menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Voglia di ripartire, oltre 200 quintali di merci a sostegno dei terremotati

Confcommercio da' il suo supporto ad Emiliamo, un progetto innovativo portato avanti da un gruppo di imprenditrici per sostenere le aziende che hanno subito danni dal terremoto e aiutarle a ripartire

Confcommercio Emilia Romagna continua ad essere al fianco delle imprese e delle popolazioni colpite dal sisma con il lavoro presso i tavoli istituzionali e con un’attenzione costante ai bisogni e alle idee che emergono dal territorio. Confcommercio da’ il suo supporto ad Emiliamo, un progetto innovativo portato avanti da un gruppo di imprenditrici, in prevalenza della provincia di Modena, per sostenere le aziende che hanno subito danni dal terremoto e aiutarle a ripartire.

Un team nato “per concretizzare lo spirito di emilianità e solidarietà” per le imprese del territorio – come si legge nel sito www.emiliamo.it - ad esempio tramite l’adesione al progetto Facciamoadesso.it, un “social business” che funziona da vetrina online per le aziende alle prese con le difficoltà e i danni causati dal terremoto. “Con il sostegno a questa iniziativa – ha commentato il Direttore di Confcommercio Imprese per l’Italia Ascom Forlì Alberto Zattini  – vogliamo confermare la nostra vicinanza e il nostro aiuto concreto ai territori messi in difficoltà dal terremoto, chiamando a raccolta le forze di tutto il nostro sistema. Dalle Ascom, alle Federazioni di settore, alle imprese socie, in queste settimane tutti hanno messo a disposizione competenze, conoscenze e strumenti, facendo partire in pochi giorni raccolte fondi, iniziative di beneficienza, borse on-line per la vendita dei prodotti delle aziende colpite dal sisma”.

Un altro esempio: il progetto Adotta un Campo, nato dalla necessità immediata di fornire aiuti materiali ai campi di Crevalcore (Bologna), Budrione di Carpi (Modena) e Sant’Agostino (Ferrara), e in questo caso in particolare l’aiuto al campo estivo parrocchiale che ospita più di 240 ragazzi. Un progetto trasformato, grazie allo slancio del CAAB, Centro Agro Alimentare di Bologna, e alla collaborazione della Fedagromercati-ACMO dell’Ascom di Bologna, in una vera e propria piattaforma di raccolta, smistamento e invio merci per le zone terremotate.

“Per noi questo progetto è una scommessa vinta – dice Valentino Di Pisa, Presidente di Fedagromercati ACMO Bologna e Vice Presidente Ascom Bologna – un’operazione che ci ha permesso di dare una mano, attraverso ciò che sappiamo fare meglio. Finora abbiamo inviato ai tre campi adottati nelle province di Modena, Ferrara e Bologna oltre 200 quintali di alimenti e beni di prima necessità, secondo le richieste che ci sono pervenute. Un grazie va a tutti quelli che hanno reso possibile questa  iniziativa, in particolare alla dirigenza e a tutti gli operatori del Centro Agroalimentare di Bologna per la fattiva collaborazione e ai ragazzi del Rotaract Bologna per il grande lavoro di raccolta alimenti fuori dai supermercati. Un impegno che ha concretamente aiutato a superare la fase più critica dell’emergenza”.

“L’aiuto più significativo è il ritorno alla normalità – conclude il Zattini Le nostre imprese delle zone colpite chiedono di essere messe al più presto nella condizione di operare, e in questa direzione si concentra il nostro impegno, tanto nei tavoli istituzionali, quanto attraverso il sostegno ai progetti che nascono spontanei dai territori e dagli stessi imprenditori”.

A queste iniziative si affiancano le raccolte fondi a favore di imprese e lavoratori: da un accordo tra con i Sindacati regionali CGIL, CISL e UIL, è nato il Fondo di intervento lavoratori imprese per il terremoto, in cui far confluire i contributi volontari da parte dei singoli lavoratori, tramite la trattenuta in busta paga dell’equivalente di una o più ore di lavoro, e pari contributo da parte dell’impresa, da destinare agli aiuti per la ricostruzione.
I contributi raccolti dovranno essere versati sul conto corrente bancario appositamente attivato:
Unicredit Spa - Filiale Bologna Galvani
Conto Corrente N. 000102105441
Intestazione: FONDO DI INTERVENTO LAVORATORI IMPRESE PER IL TERREMOTO
IBAN: IT 68 U 02008 02430 000102105441
Causale: Contributi lavoratori e imprese terremoto maggio 2012

Tutte le operazioni di bonifico verso tale conto, da qualsiasi banca, sono gratuite. Per tutte le informazioni sulle iniziative consulta il sito www.confcommercio-er.it
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ForlìToday è in caricamento