Webinar gratuito di Cna per presentare i bandi del Gal L’Altra Romagna

Contributi a fondo perduto per avvio e qualificazione di micromprese nelle nostre aree collinari e montane. Appuntamento giovedì 18 giugno

Continuano i webinar, seminari online, promossi da CNA Forlì-Cesena; giovedì 18 giugno alle ore 15.30 si parlerà di contributi a fondo perduto per le imprese del territorio promossi dal GAL L’Altra Romagna. Lo scopo è quello di sostenere lo sviluppo, l’innovazione e l’occupazione delle zone rurali più marginali del nostro sistema economico territoriale. Sono due i bandi che prevedono contributi a fondo perduto: per l’avviamento di micro-imprese non agricole per la qualificazione di micro-imprese non agricole già esistenti.

Elemento comune delle due misure è costituito dal fatto che gli interventi devono essere realizzati, e gli investimenti effettuati, nelle aree rurali, collinari e montane delle province di Forlì-Cesena e Ravenna; sul sito www.cnafc.it è possibile trovare l’elenco dei comuni coinvolti.

Al seminario interverranno Bruno Biserni, presidente GAL L’Altra Romagna; Laura Giammarchi, responsabile Servizio Credito CNA e Massimo Grandi, ufficio bandi CNA. Nella seconda parte del webinar sarà possibile avere risposte alle proprie domande. Ricordiamo che il seminario è gratuito, previa iscrizione attraverso il sito www.cnafc.it, entro mercoledì 17 giugno. È possibile partecipare sia collegandosi da PC che da smartphone. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pensioni dicembre: pagamento anticipato, il calendario per ritirarle alla Posta

  • Chiude supermercato in corso della Repubblica, ma non si spegne la vetrina e restano i servizi ai residenti

  • Dopo la morte del figlio, l'anziana titolare si ritira: la prima fabbrica di cioccolato della Romagna è in vendita

  • Violento schianto frontale sul rettilineo: grave una donna, soccorsa con l'elicottero

  • Porta loro da mangiare, viene aggredito dai cinghiali che aveva "adottato": trasportato d'urgenza al Bufalini

  • Lo storico marchio della piadina cambia di proprietà. La produzione resta a Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento