A Barisano un pomeriggio con Frate Indovino

A Barisano un pomeriggio con Frate Indovino. L’Unità pastorale Roncadello, Malmissole, Poggio, Barisano e San Giorgio, in prossimità della festa del titolare della Pieve di Barisano, san Martino di Tours, propone per domenica pomeriggio, alle 17.30, nel Teatro parrocchiale di Barisano (Via Voltuzza), un incontro per conoscere la storia del calendario di Frate Indovino, presenza familiare nelle case degli italiani sin dal lontano 1946.

“È ben nota – dichiara il responsabile dell’Unità Pastorale, don Antonino Nicotra, la stretta correlazione tra la figura del santo vescovo di Tours e la vita dei campi. Da qui ci è parso naturale sottolineare la ricorrenza del Santo, presentando l’avventura editoriale del celebre calendario, nata dal contatto tra i frati e i contadini”. Martino di Tours, il santo ungherese cui è intitolata la straordinaria chiesa romanica di Barisano, risalente a prima del Mille e realizzata sui resti di una Domus romana, nacque da genitori pagani. Condusse vita monastica in un cenobio da lui stesso fondato. Secondo la tradizione, nel vedere un mendicante seminudo patire il freddo durante un acquazzone, gli donò metà del suo mantello; poco dopo incontrò un altro mendicante e gli regalò l'altra metà: subito il cielo si schiarì e la temperatura si fece più mite.

“Scoprendo le origini del calendario – continua don Nicotra - ci si accorge che la sua antica sensibilità è in sintonia con la grande attenzione rivolta oggi agli stili di vita e alla custodia del creato”. Ieri come oggi, la filosofia di Frate Indovino si fonda su due direttrici: la prima, e più importante, è costituita dalle Opere di Bene vissute come vocazione, la seconda è rappresentata dal desiderio di divulgare la cultura popolare e l’ecologia, sentite come missione. A Barisano, i frati racconteranno l’armonia tra l’uomo e la terra, vista attraverso la loro esperienza di missionari in Amazzonia ed editori del famoso calendario degli italiani. A narrarne la storia saranno padre Carlos Acàcio, frate cappuccino brasiliano, rettore del Santuario della Spogliazione di San Francesco in Assisi e Bruno Del Frate, responsabile editoriale di Frate Indovino. Modera l’incontro don Antonino Nicotra. Al termine, gli intervenuti potranno degustare le tisane di Frate Indovino, prodotte secondo le antiche ricette originali dei frati Cappuccini, e i dolci offerti dalle signore del quartiere di Barisano.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Ulisse sbarca al teatro comunale di Predappio con "Odissea. Come morire in un mare di risate!" di Massimiliano Bolcioni

    • oggi e domani
    • dal 17 al 18 maggio 2019
    • Teatro comunale di Predappio
  • Un viaggio a gonfie vele per solcare l’oceano teatrale plurilingue

    • Gratis
    • dal 14 al 17 maggio 2019
    • Teatro Diego Fabbri
  • Andrea Scanzi torna sul palcoscenico romagnolo con "Salvimaio"

    • solo domani
    • 18 maggio 2019
    • Teatro dei Sozofili

I più visti

  • "Ottocento", un grande viaggio nell'arte italiana tra Hayez e Segantini

    • dal 9 febbraio al 16 giugno 2019
    • Musei di San Domenico
  • Finger Food Festival: piatti regionali, birre artigianali e musica in piazza

    • Gratis
    • dal 31 maggio al 2 giugno 2019
    • piazza Cavour
  • Tagliatelle, crostini e altri piatti prelibati alla Sagra del fungo prugnolo

    • Gratis
    • 26 maggio 2019
    • giardini pubblici
  • Con "Forlì in Fiore" torna Zard-in, il festival dedicato ai giardini ed ai cortili più suggestivi della città

    • da domani
    • dal 18 al 19 maggio 2019
    • centro storico
Torna su
ForlìToday è in caricamento