Anny Wernert espone con "Al di là della montagna... Un viaggio d'incanto"

A Forlì, alla Residenza Pietro Zangheri, in Via Anderlini 15, la pittrice Anny Wernert Vanitelli espone un ciclo di dipinti ispirati alle vette montane e alle cattedrali gotiche dal titolo: "Al di là della montagna... Un viaggio d' incanto ". La mostra, iniziata il 27 maggio, è stata prorogata al 30 Giugno.  Questa mostra prosegue idealmente la mostra precedente " Ultimo Viaggio... alla ricerca della montagna incantata...". terminata il 25 maggio. Entrambe le mostre, di ispirazione autobiografica, esprimono il senso di profonda spiritualità e di gioia interiore evocato nell' artista dalle cime dei monti, le Dolomiti e le montagne del Gransasso, come dalle cattedrali gotiche francesi. Nei dipinti che ritraggono le montagne, la forza della natura, la potenza della roccia, é mirabilmente espressa da una pittura dinamica e veemente insieme, che segna la svolta espressionista di Anny Wernert, poi più compiutamente rivelata nel ciclo dei ghiacciai.

Pur attestandosi ancora in ambito figurativo, le montagne rivelano già la tendenza all' espressionismo astratto, nella scomposizione delle rocce, nella simuosità delle linee e delle masse, nella poliedricità prospettica, di notevole impatto visivo. Nel ciclo delle montagne, la tavolozza della Wernert, sperimenta  le potenzialità dei verdi e dei bruni, con esiti originali. In alcuni dipinti, l' essenzialità di una pittura gestuale si rivela in sottolineature e linee che accentuano la plasticità della montagna. La montagna é anche luogo in cui l' essere umano meglio si misura con il cielo e con le grandi domande che segnano l'esistenza: perché siamo qui, ora, quale é il nostro fine. L'essere parte della natura e  dell' universo é la suggestione che si avverte. La solitudine delle cime montuose, vicine al cielo, é rivelatrice di una religiosità mistica, la ricerca del divino nella ieraticità del silenzio e di uno sguardo che spazia dalla luce all' infinito.

La sensibilità dell' artista, coglie la potenza della natura e la trasmette attraverso la linea e il colore, in opere uniche, un punto d'arrivo e d' inizio insieme nel lungo percorso artistico di Anny Wernert Vanitelli. Si tratta infatti di dipinti del '96, che sono stati esposti per la prima volta, a fianco delle più note cattedrali gotiche, ciclo recente della Wernert, in cui la religiosità dell' artista si fonde alla memoria dei luoghi della fanciullezza. Le cattedrali, in particolare la cattedrale di Digione, più volte rappresentata in dipinti di grande potenza espressiva, sono i luoghi d' elezione dell' incontro dell' artista con Dio. Il viaggio d' incanto é dunque il viaggio interiore,nella religiosità dell' artista, filo conduttore e meraviglia della sua vita. La mostra é visibile tutti i giorni dalle 9,30 alle 12 e dalle 15,30 alle 18,30. 
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Documenti inediti, lettere e fotografie nella mostra "Il paese dei Mussolini"

    • Gratis
    • dal 4 febbraio al 29 agosto 2021
    • Casa natale Mussolini
  • "Mutonia", una ricerca fotografica tra fantasia, gioco e futuro

    • Gratis
    • dal 19 gennaio al 19 marzo 2021
    • Ospedale Morgagni - Pediatria
  • Arte al Monte riparte con una personale di Vincenzo Baldini

    • Gratis
    • dal 3 febbraio al 8 marzo 2021
    • Arte al Monte

I più visti

  • Documenti inediti, lettere e fotografie nella mostra "Il paese dei Mussolini"

    • Gratis
    • dal 4 febbraio al 29 agosto 2021
    • Casa natale Mussolini
  • "Mutonia", una ricerca fotografica tra fantasia, gioco e futuro

    • Gratis
    • dal 19 gennaio al 19 marzo 2021
    • Ospedale Morgagni - Pediatria
  • Arte al Monte riparte con una personale di Vincenzo Baldini

    • Gratis
    • dal 3 febbraio al 8 marzo 2021
    • Arte al Monte
  • Un convegno online per raccontare cento anni di sviluppo industriale in Romagna

    • Gratis
    • 6 marzo 2021
    • online
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ForlìToday è in caricamento